in

Expo Milano: Feeding the Accelerator, premiate le migliori startup del cibo

“Nutrire il piante”. Questo lo slogan di expo che da mesi circola nelle nostre menti, come simbolo dell’esposizione universale in corso a Milano. Il padiglione statunitense nell’ambito del contest Feeding the Accelerator ha premiato le dieci miglior startup nel settore alimentare.

Tecnologia, innovazione e cibo. Queste le caratteristiche delle attività che si sono guadagnate il premio della società americano – svedese AtelierSlice e Microsoft, in collaborazione con FedEx, PepsiCo, Illy e con l’hub milanese Copernico. In questa top ten troviamo anche quattro realtà italiane, dimostrandosi l’Italia ancora una volta molto presente e attiva nel settore dell’agroalimentare. Ecco le startup premiate:

Cookboth: progetto anglo – spagnol volto all’auto pubblicazione di ricettari che chef professionisti possono condividere scambiandosi idee e opinioni.

GreenOnyx: ideata pensando ad una stampante 3D, GreenOnyx, un’idea israeliana, permette di coltivare un super vegetale chiamato “Khai – Nam” dalle significative proprietà nutrizionali pronto a diventare il cibo del futuro.

Ignitia: Startup nata dalla collaborazione tra Stati Uniti e Svezia, fornisce previsioni del tempo volte a mirare le decisioni degli agricoltori nell’Africa occidentale.

Pnat: startup italiana che ha ideato piattaforme gallegianti per una coltivazione intensiva e la purificazione dell’acqua tramite l’energia solare.

Microvita: Sempre frutto del Made in Italy punta ad un’alimentazione animale sostenibile, dove le mosche vengono utilizzate per trasformare prodotti organici in cibo per animali domestici.

Ice Dreams: Italiana, ha deciso di puntare su un classico dell’alimentazione italiana: il gelato. L’idea è quella di sostituire acqua a  latte e uova per la creazione di gelati artigianali; niente additivi artificiali.

Kalulu: Un social network dove agricoltori potranno essere direttamente in contatto con i consumatori, accumulando ordini si potranno ridurre spese di trasporto, imballaggi, ed emissioni di co2.

– Foodtrace: Una piattaforma per rendere più efficienti le vendite di agricoltori e venditori all’ingrosso e fornire maggiori informazioni ai clienti.

– Urban Pastoral:  L’obiettivo è quello di sviluppare ambienti sostenibili per imprese agricole e alimentari vedendo il cibo come strumento per uno sviluppo sociale, economico e ambientale.

michelle hunziker figlio maschio

Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi: aria di crisi in vacanza

cos'è italicum

Riforma pensioni 2015 ultime notizie: Matteo Renzi annuncia la manovra del futuro

Back to Top