in ,

F1: Fernando Alonso dopo il successo in Cina spera di ripetersi a Montmeló

Oggi giovedì 8 maggio, il pilota spagnolo di F1 della Ferrari Fernando Alonso ha assicurato che per lui e il team è stata una bella sorpresa, quasi una vittoria, il podio ottenuto nello scorso Gran Premio di Cina, conquistando il terzo posto dietro alle due Mercedes. Per questo domenica si augura di poter ripetere l’exploit nel corso del GP di Spagna che avrà luogo sul Circuito di Barcellona-Catalogna e che, l’anno scorso, ha vinto. Ma preferisce stare con i piedi per terra e non dovrebbero porsi degli obiettivi “troppo alti”, anche se faranno di tutto per poter racimolare dei punti preziosi.  Fernando Alonso Official

 

Alonso che ha preso parte alla presentazione della quinta edizione del programma di borse di studio Fórmula Santander ha affermato che, come sempre, hanno portato delle migliorie per la monoposto di Montmeló cercando di cambiare la rotta presa all’inizio della stagione che ha visto quattro vittorie  della Mercedes. Del resto dall’ultimo Gran Premio ci sono state tre settimane per apportare le giuste modifiche ed esaminare così le cose che non funzionavano. Alonso spera di avere una macchina un po’ più veloce e sia lui che Kimi (Raikkonen l’altro ferrarista) hanno trascorso delle ore intere nel simulatore di Maranello.

Fernando è cosciente che come pilota può sempre migliorare ma spera di avere una monoposto che gli permetta di lottare per il trionfo finale. In conclusione ha voluto sottolineare che ci sono diversi metodi per avvicinare i giovani piloti alla Formula1. La Ferrari Driver Academy prende i piccoli piloti che si cimentano nel karting e li aiuta ad arrivare in F1 ed è bene che le scuderie più importanti si mettano in gioco imitando le squadre di calcio che portano i piccoli a crescere nei loro vivai.     

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Elezioni europee: i candidati snobbano i social network

frame telecamera parcheggio Perugia

Anticipazioni Quarto Grado 9 maggio: nuovi elementi sul delitto di Perugia e la caccia al “maniaco dello scotch”