in ,

F1: il deluso Fernando guarda oltre la Ferrari

I 32 anni del ferrarista Fernando Alonso hanno un sapore amaro e un rapporto, forse, incrinato. Questo è quello che emerge dopo le recenti dichiarazioni rilasciate dal pilota spagnolo, deluso e scontento per l’ennesimo week end di “passione” terminato con un quinto posto nell’Hungaroring. Fernando ha un contratto, con il cavallino di Maranello, fino al 2016 e ha sempre dichiarato di voler chiudere la sua carriera con la Ferrari. Ma la frustrazione del due volte campione del mondo con la Renault e prima guida Ferrari rischia, anche per la sua quarta stagione, di chiudersi senza l’ambizioso titolo mondiale. Il talento soffocato dello spagnolo potrebbe allontanarlo da una Ferrari nettamente al di sotto del suo prestigioso nome. Chris Horner

Nel corso dell’ultima gara, secondo quanto riferiscono i media britannici, ci sarebbe stato un incontro tra il team principal della Red Bull Chris Horner e l’agente-manager di Alonso, Luis Garcia Abad. Argomento della chiacchierata il futuro del pilota asturiano al quale sarebbe stata offerta, per il 2014, una monoposto della scuderia angloaustriaca. Lo stesso Chris Horner, in merito alle voci su Alonso, ha sottolineato che ogni trattativa con qualunque pilota resterà sempre confidenziale e, come si può immaginare, ci sono stati diversi candidati che hanno espresso interesse per il sedile della Red Bull. Alla fine, bisogna pensare al bene del team e la coppia che vogliono mettere insieme per l’anno prossimo deve essere quella giusta per vincere. Se la settimana scorsa si parlava di Kimi, questa volta è il turno di Fernando.

L’incontro, secondo la Ferrari e lo stesso Abad, avrebbe riguardato solo il futuro del giovane pilota, Carlos Sainz Jr, rappresentato sempre dall’agente del ferrarista. Nel frattempo la Red Bull è alla ricerca del successore di Mark Webber, che ha deciso di lasciare la Formula 1 al termine di questa stagione.

 

george royal baby

Royal Baby: i dettagli del parto e le 11 ore di travaglio di Kate

La NBC, gioca pesante: le nuove miniserie tratte da Rosemary’s Baby e racconti di Stephen King