in

Fabio Fulco a Vieni da me si commuove ricordando il padre: «Volevo fare il medico come lui»

Il bellissimo attore italiano Fabio Fulco è stato ospite oggi, 17 aprile 2019, da Caterina Balivo nella sua trasmissione di Rai 1 Vieni da me. Fabio si è lasciato intervistare da Caterina Balivo con il gioco della cassettiera. Ogni cassetto un oggetto e ogni oggetto un ricordo. Tantissimi sono stati i ricordi di Fabio. Ricordi che hanno lasciato spazio a momenti davvero molto emozionati, come quando Fabio ha parlato dei suoi nonni e del suo papà. Un’intervista intensa che ha permesso al pubblico da casa di scoprire qualcosa in più sul bellissimo attore dagli occhi di ghiaccio.

Leggi anche –> Fabio Fulco fidanzata: l’attore ritrova l’amore con una modella napoletana

Il ricordo della sua infanzia

Fabio Fulco ha iniziato l’intervista ai microfoni di Caterina Balivo aprendo il primo cassetto nel quale ha trovato un pezzo di legno e dei calzini rossi. Da questi due oggetti Fabio ha iniziato a parlare della sua infanzia e dei suoi nonni. L’attore a tal proposito ha dichiarato: «La legna e i calzini rossi mi riportano ai miei nonni e alla mia infanzia. Io sono cresciuto con loro, i miei genitori lavoravano tanto, c’erano poco, mentre i miei nonni contadini erano più presenti. Appena finita scuola correvo da loro e giocavo in campagna. Sono un po’ malinconico perché sono sempre stati i miei riferimenti, nonno Angelo e nonna Lena, erano due persone per bene, si sono amati fino all’ultimo tanto che sono praticamente morti insieme. I calzini rossi sono legati al fatto che mio nonno tutte le sere davanti al camino ci raccontava una storia di un uomo con i calzini rossi, un sensale, che aveva fatto conoscere lui e sua moglie. Questi calzini li terrei, li porterò al cimitero e li metterò accanto alla tomba dei nonni». Fabio già con il primo ricordo si è emozionato per poi crollare del tutto quando è arrivato a parlare di suo padre.

L’emozione per il ricordo del padre

L’intervista poi si è sposta sull’argomento famiglia e qui è entrato in gioco il ricordo legato alla figura di suo padre. Fabio ha dichiarato: «Mio padre era medico, volevo diventare come lui. Io ho studiato medicina per cinque anni. […] Poi qualcuno mi ha introdotto nel mondo dello spettacolo e mi ha detto bene». Poi l’attore, visibilmente commosso, ha continuato: «Nel 2004 è venuto a mancare mio padre. Da quel momento penso che lui sia il mio angelo. Lui è quello a cui mi ispiro, il mio idolo. Lui quando gli dissi che volevo fare l’attore la prese molto male, voleva che seguissi le sue orme. Ma sono sicuro che è contento di quello che sono diventato. Spero sia fiero di me». Fabio Fulco si è lasciato così andare e i suoi ricordi hanno catturato e commosso tutti.

Leggi anche –> Fabio Fulco a Domenica Live: le parole su Cristina Chiabotto (VIDEO)

Sondaggi Elezioni Europee: percentuali dei partiti al 18 aprile 2019

A raccontare comincia tu ospiti e anticipazioni stasera 18 aprile 2019