in

Fabrizio Frizzi, il fratello Fabio rivela: «Lui ha sempre sperato di condurre Sanremo! L’avrebbe meritato!»

Avrebbe compiuto oggi 61 anni Fabrizio Frizzi, l’amato conduttore scomparso lo scorso 26 marzo per un’emorragia celebrale. A lungo aveva combattuto con la malattia che però non gli ha lasciato scampo. Un enorme vuoto, che ha gettato nello sconforto la moglie Carlotta, la piccola Stella, che lui amava più di se stesso, la famiglia, i colleghi e i telespettatori de L’Eredità che vedevano in Frizzi un caro amico, ultimo forse esempio di un tv non urlata, garbata che oggi non esiste più.

Fabio Frizzi: «È bello parlare di Fabrizio!»

Nell’anniversario dalla nascita il fratello di Fabrizio, Fabio Frizzi ha voluto ricordare il fratello in un’intervista rilasciata a La verità. Anche questi fa parte del mondo dello spettacolo, difatti Fabio Frizzi è uno straordinario musicista e compositore, che ha lavorato ad esempio alla colonna sonora Kill Bill. Volume 1, il capolavoro di Quentin Tarantino. «Quando Fabrizio faceva televisione, agli inizi, ogni tanto andavo a trovarlo negli studi di Rai Scuola, dietro Via Teulada, e mi beavo di questo fratello così bravo. È bello parlare di Fabrizio, sembra che sia di là, adesso arriva e andiamo a prenderci l’aperitivo!», ha raccontato Fabio Frizzi non nascondendo un velo di tristezza per la morte improvvisa del fratello Fabrizio, il quale era arrivato in Rai nel 1980, dapprima come inviato poi come conduttore della trasmissione per ragazzi Il barattolo, a cui sono seguite Tandem e Pane e marmellata, dove ha avuto modo di conoscere la sua prima moglie Rita Dalla Chiesa, che proprio oggi lo ha ricordato su Instagram con la semplice commovente frase «5 febbraio 🌹 Di fronte all’ascensore del terzo piano di via Teulada» e uno scatto che mostra Fabrizio Frizzi sorridente, un’immagine che tutti noi abbiamo stampata nella mente e nel cuore.

Fabrizio Frizzi: dagli esordi in Rai al mancato Festival di Sanremo

Su quegli esordi in tv ha speso qualche parola Fabio Frizzi che ha raccontato a La verità: «A un certo punto conosce Tullia Brunetto, che si occupava della promozione della Wea, l’etichetta musicale. Tullia è stata una delle anime della promozione discografica, non solo italiana perché la Wea aveva un grande repertorio di musica straniera. Per un programma di bambini di Rete 2 decidono di vedere gente nuova e indicono un provino. Tullia viene a saperlo e chiama Fabrizio. Lui va e gli dicono di presentare Lucio Battisti. Mi hanno detto che ha fatto una presentazione da morire dal ridere!». Perché Fabrizio Frizzi era un uomo divertente, che sapeva ridere di se stesso e soprattutto che amava sperimentare: pensiamo soltanto alla sua recente partecipazione a Tale e quale show di Carlo Conti, suo caro amico, o al ruolo dell’avvocato matrimonialista nella serie Non lasciamoci più.

«Fabrizio ha sempre sperato di condurre Sanremo. L’avrebbe meritato!»

Fabio Frizzi, all’indomani della prima puntata della 69esima edizione del Festival di Sanremo, ha parlato anche del fatto che al fratello Fabrizio non è mai toccato di condurre l’evento musicale più importante dell’anno: «Fabrizio ha sempre sperato di condurre Sanremo. Sarebbe stato il migliore perché conosceva la musica italiana ed era amico di molti cantanti. L’avrebbe meritato. Ha seguito molto la musica negli anni Settanta nelle radio private, avendo iniziato a Radio antenna musica. Anch’io l’ho fatta per un po’, io sono uscito e lui è entrato!». E Fabio Frizzi non è il solo a pensare che Fabrizio Frizzi meritasse di calcare il palco dell’Ariston, ne siamo convinti tutti davvero.

leggi anche l’articolo —> Gerry Scotti coinvolto in una truffa di beneficenza: ecco cosa è successo al conduttore di “Chi vuole essere milionario”

(Foto Instagram @fabriziofrizziofficial e @fabiofrizzi)

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Terremoto oggi a L’Aquila, scossa magnitudo 3.6: scuole evacuate, tutte le news

Nadia Toffa Instagram: affronta la chemioterapia in compagnia di un suo amico