in

FaceApp, l’applicazione che ti cambia l’età: la nuova mania di Instagram

Per caso in questi giorni ti sei ritrovato la bacheca di Instagram invasa da foto di anziani? Hai pensato “mamma mia com’è invecchiata quell’amica“? No, non sono tutti invecchiati all’improvviso si tratta di FaceApp, l’applicazione più popolare del momento.

FaceApp invecchiare su Instagram

leggi anche: Eclissi lunare 16 luglio 2019: a che ora e come vederla

Cos’è FaceApp?

E’ un’applicazione che mette a disposizione diversi filtri: cambio acconciatura, trucco, e altro. Ma un filtro tra tutti è diventato più popolare, ovvero “età”. Questo filtro ha tre funzioni: molto giovane, giovane e anziano. Infatti questa applicazione ti permette di vedere come sarei da anziano. A rendere popolare FaceApp sono state alcune celebrità che hanno iniziato a pubblicare su Instagram le foto di loro da anziani. Non c’è voluto tanto per far sì che tutto scaricassero FaceApp.

FaceApp è disponibile sia per Android che per iOS, ma molti dei filtri sono a pagamento. Effettivamente solo il filtro età è completamente gratuito. Le tariffe sono di 3,99 euro per un mese, 19,99 euro per un anno e 43,99 euro per sempre. La curiosità è che questa applicazione non è affatto nuova, anzi era uscita nel 2017 ed era stata anche vittima di uno scandalo a causa di un filtro. Si chiama Hotness e prometteva di rendere più sensuale il nostro aspetto nelle foto. Il problema è che l’algoritmo basava l’idea di bellezza su un aspetto caucasico, caratterizzato quindi da una pelle bianca.  In poche parole se una persona di colore usava il filtro, il risultato che otteneva era uno schiarimento della sua carnagione. Il proprietario di FaceApp si è scusato e ha risolto il problema.

Ma come funziona?

E’ molto semplice: una volta scaricata l’applicazione e scattato un selfie, si può elaborare subito la propria immagine in pochi secondi. Basta selezionare il pacchetto Età, scegliere il filtro Anziano e vedere il risultato. Per chi invece vuole tornare un po’ indietro nel tempo è meglio cliccare sul filtro Giovane. A differenza di quello che si può pensare, la tecnologia dietro questo filtro non è affatto banale. Si tratta di filtri elaborati grazie all’intelligenza artificiale che cuce delle maschere sulla fisionomia del nostro volto.

Ogni volta che un viso viene processato, l’immagine potrebbe essere conservata dai server della società. Al momento questa applicazione non risulta coinvolta in scandali informatici riguardo l’utilizzo dei dati personali. Ma è sempre una dinamica da tenere a mente quando si sceglie di scaricarla e utilizzarla.

Salvatore e Teresa allontanati da Uomini e Donne: «Non portano business!»

boeing 737 max

Boeing 737 Max, Ryanair cambia il nome ai suoi aerei