in

Facebook login: i “post sulla pagina” di Google confondono le ricerche degli italiani

Sembra assurdo raccontare di come gli italiani abbiano scambiato la pagina Facebook di Google per Yahoo Answers, eppure giuriamo sia avvenuto realmente.
Poco tempo fa migliaia di utenti hanno cominciato a confondere il profilo social dell’azienda di Larry Page e Sergey Brin per un motore di ricerca. Di qui l’inizio di innumerevoli Post pubblicati nella sezione visitatori della pagina.

Il fenomeno è spiegabile con una disinformazione di fondo nell’utilizzo delle strutture del World Wide Web. Se da un lato cogliamo una certa simpatia nell’invasione dall’altro non è possibile ignorare l’analfabetismo che accomuna questo tipo di atteggiamento.
Anziani o giovani non fa differenza. La base su cui si innesta questa evidente disinformazione è la crescente considerazione di un’universo, quello del Web, costruito su piattaforme collegate. Non sembre esserci discernimento, della serie “un Google vale l’altro“.

Intanto dopo che l’attenzione mediatica si è sollevata sul problema e sulla “disattenzione” di questi avventori di Facebook, numerosi troll e fake hanno iniziato il loro lavoro sul profilo di Google.
Eppure le intenzioni iniziali dell’azienda americana erano delle migliori. L’idea originale era quella di creare un portale Facebook di promozione del territorio italiano e di racconti storici su avvenimenti giornalieri.

Photo Credit: www.shutterstock.com

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Basket gironi Torneo Pre Olimpico

Basket news, i gironi del torneo Pre Olimpico: le avversarie dell’Italia

dimagrire la pancia

Come dimagrire le gambe e la pancia con il cavolo