in

Facebook news: il colosso di Mark Zuckerberg sotto accusa? In ufficio le dipendenti sarebbero costrette a coprirsi

Le dipendenti donne di Facebook sarebbero state, utilizzando un eufemismo, invitate a coprirsi e a non indossare abiti che potrebbero “distrarre” i colleghi. Un ex dipendente del colosso della Silicon Valley ha denunciato in un libro il modus operandi dell’azienda. Le affermazioni di Antonio Garcia Martinez che ha lavorato per due anni nella società di Zuckerberg, contrasterebbero molto con la filosofia femminista professata dai dirigenti di Facebook, come ad esempio Sheryl Sandberg.

CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK DI URBAN TECH E RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

Il titolo del libro che “incriminerebbe” il lato misogeno del colosso della Silicon Valley è “Chaos Monkeys: Oscene Fortune and Random Failure in Silicon Valley”. Nello scritto Antonio afferma che il dipartimento delle risorse umane avrebbe chiesto ai dipendenti di sesso femminile di non indossare abiti succinti, al fine di evitare problemi con i colleghi maschi dell’ufficio. Facebook ed altre aziende della Silicon Valley nel passato erano già finite nel mirino della critica per la cultura del lavoro maschilista.

Il colosso di Mark Zuckerberg ha infatti il 68% dei dipendenti di sesso maschile. Antonio afferma inoltre nel suo libro che il CEO è solito inviare email di sfogo chiedendo addirittura le dimissioni dei dipendenti. Una denuncia molto forte che paragonerebbe Facebook ai metodi di lavoro, usualmente utilizzati a Wall Street.

Photo Credit: Shutterstock.com

vaccinazioni bambini, vaccinazioni obbligatorie, vaccinazioni obbligatorie bambini, vaccinazioni bambini emilia romagna, vaccini emilia romagna,

Vaccinazioni obbligatorie: in Emilia Romagna preclusi gli asili ai non vaccinati

Elisa On Tour 2016, l’artista annuncia nuove date: ecco dove, quando e modalità prevendita biglietti