in ,

Farmaci anticancro rubati e contraffatti: opera della camorra

L’Agenzia del Farmaco italiana ha denunciato che i furti di farmaci che si sono verificati di recente in vari paesi europei sarebbero frutto di una precisa strategia di diverse organizzazioni criminali tra cui la camorra e altri clan dell’Europa orientale. Una rete molto estesa che starebbe preoccupando parecchi medici e farmacisti, considerato che i farmaci rubati e contraffatti e conseguentemente inefficienti, se non letali, verrebbero rivenduti agli ignari pazienti.

farmaci ad alto monitoraggio

Dalle indagini condotte dai Nuclei Antisofisticazioni e Sanità (NAS) dei carabinieri, sarebbe emerso che i farmaci rubati negli ospedali o dai camion utilizzati per la distribuzione, verrebbero poi passati ad un grossista italiano. Fino a cinque camion al mese carichi di farmaci anticancro sarebbero stati rubati in Italia. Tra questi ci sarebbe l’Herceptin della Roche, medicinale usato per il trattamento del carcinoma mammario e gastrico, che poi è ricomparso contraffatto nel Regno Unito, Germania e Finlandia, dove è stato rilevato che il suo principio era stato sostituito da un antibiotico.

Quindi emergerebbe che le organizzazioni criminali coinvolte in questo traffico modificherebbero i principi attivi dei farmaci, diluendoli in più dosi o sostituendoli con diverse sostanze più economiche, speculando in questo modo sulla rivendita dei prodotti.

Seguici sul nostro canale Telegram

Fussball CLub Vaduz (Rheinpark Stadion) facebook

L’impresa del Vaduz, record Mondiale e il pass per la prossima Europa League

Inter, senti Mourinho: “A Milano ho raggiunto il top”