in ,

Farmaci online: uno su dieci è una truffa, contengono cemento e arsenico

Nei primi mesi del 2017 sono state almeno 6 mila le farmacie illegali chiuse in rete. Nel 2016, invece, quelle bloccate ammontavano a più di 20 mila. In entrambi i casi venivano venduti farmaci online contraffatti e in grado di mettere a rischio la vita dei consumatori. Purtroppo, secondi i dati di Federfarma Servizi, per ogni punto vendita online chiuso, se ne apre un altro. Un fenomeno complesso e difficile da eliminare.

L’acquisto di farmaci online illegali, negli ultimi anni, è diventato un vero e proprio business in Italia: viagra, farmaci per l’anoressia, anabolizzanti, integratori sono i prodotti tra i più venduti e a farne richiesta sono soprattutto uomini. Tra i farmaci online contraffatti più venduti, ben sette su dieci sono pillole dell’amore. Il rischio maggiore riguarda proprio la salute; secondo i dati, infatti, in molti farmaci online vi sono tracce di principi attivi pericolosi, come gli ipoglicemizzanti, mentre nell’8,5 per cento dei casi nelle pillole sono stati trovati cemento, arsenico, veleno per topi.

Come spiega il presidente di Federfarma Antonello Mirone: “Questi siti si moltiplicano, sfuggono ai controlli e si nascondono fra le maglie della rete. Questo fenomeno alimentato dagli uomini nasce, in parte, dagli imbarazzi dei pazienti nel aprlare al medico delle difficoltà e dai costi inferiori dei prodotti on line. Ma, va ricordato, solo uno su dieci, contiene il principio attivo in dose adeguata, alcuni ne hanno il doppio e il 25 per cento non ne contiene affatto“.

[dicitura-articoli-medicina]

sere FAI d'estate 2017

Sere FAI d’Estate 2017: un intero mese per scoprire le bellezze italiane sotto le stelle

Donna allergica a tutti, anche a suo marito, la colpa in una lenta perdita di gas

Donna diventa allergica a tutto, anche a suo marito: ecco com’è successo