in ,

Farmacie h/24 a Milano, è il call center “Pronto Farm@cia”

Dare un servizio di assistenza farmaceutica ai cittadini, continuativo ed efficiente, a Milano e Provincia è una realtà. L’Associazione Chimica Farmaceutica Lombarda (Federfarma), che conta oltre 600 farmacie tra Milano e provincia, 61 nella provincia di Lodi e 132 nella provincia di Monza, ha appunto rinnovato due giorni fa il contratto per l’attività del numero verde 800.801.185, funzionante ogni giorno, 24 ore su 24.farmacie a Milano

Si tratta del call center ‘Pronto Farm@cia’, nato per instaurare un contatto diretto con i cittadini, che riceve più di 5500 telefonate al mese per informare sugli orari di ogni farmacia, sulla farmacia più vicina, sulle farmacie aperte per turno, sulla loro dislocazione e via dicendo.

Aperto nel 2001, il call center fu considerato un servizio altamente innovativo all’epoca, e da allora ha gestito 835 mila telefonate, pari ad una media di 5.674 telefonate al mese continuativamente per 13 anni. Annarosa Racca, Presidente di Federfarma, si dice soddisfatta di questo servizio, che nei primi 10 mesi del 2013 ha registrato un trend positivo che è continuato con un incremento del 25% sul 2012: “Abbiamo avviato una analisi per capire quanto fosse gradito il call center anche rispetto al nostro sito, dato che offre tante informazioni. I dati della ricerca ci confermano il grande interesse dei cittadini per il call center, a dimostrazione che Pronto Farmacia rientra nell’ottica di servizio e di presidio sanitario che caratterizza l’evoluzione della farmacia moderna”. Tra le informazioni più frequentemente richieste certamente quelle sugli orari delle farmacie; sono scemate, invece, quelle sulle indicazioni stradali per raggiungere la farmacia consigliata, verosimilmente a seguito della diffusione di navigatori e mappe on line.

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Diamante rosa Pink Star

Pink Star, il diamante rosa da 59 carati più costoso di sempre

Pericolo reclusione

Atletico Madrid sotto shock: riciclaggio, ds Caminero rischia 4 anni