in ,

Fashion Week Milano 2016, intervista alla fashion blogger Carlotta Rubaltelli: “La moda è arte ma deve essere indossata e vissuta”

Si è ormai aperta la Fashion Week Milano 2016 che presenterà al mondo le collezioni Primavera Estate 2017 per quel che riguarda la moda donna; tante le sfilate e le presentazioni ma anche gli eventi imperdibili. A raccontarci il dietro le quinte della settimana della moda è Carlotta Rubaltelli, giovane fashion blogger già seguitissima sul suo blog, Style & Trouble, e sui social network. Ecco cosa ci ha raccontato in una intervista esclusiva del suo lavoro di fashion blogger durante le fashion week, senza dimenticare di lasciarci qualche chicca di stile per le nostre lettrici.

Come si diventa una fashion blogger?
“Onestamente non lo so, in realtà per caso, per una serie di coincidenze fortunate e tanta forza di volontà e di inseguire questo sogno perché poi da sola la fortuna non basta.”

In un panorama così ricco come si trova il proprio posto?
“Sostanzialmente giorno per giorno, facendo le scelte giuste e cercando di lavorare con brand che siano in linea con il tuo profilo, ogni giorno fai una scelta in una direzione e attraverso una strada ben definita ti crei il tuo spazio. Anche se non diventi magari Chiara Ferragni io come molte mie colleghe ci siamo ritagliate il nostro spazio e il nostro pubblico, ognuna grazie alle proprie caratteristiche e con il proprio stile. Perché alla fine in questo lavoro quello che ti caratterizza e quello che fidelizza i tuoi followers è proprio lo stile a 360 gradi, non solo quello legato all’abbigliamento ma anche di vita.”

Raccontaci del tuo stile, come lo definiresti?
“Sono una persona tendenzialmente che sceglie look eleganti, sofisticati che non siano mai né troppo appariscenti né troppo sensuali e poi anche nella mia vita normale sono una persona così, che preferisce il bello elegante e sofisticato che quindi si può trasformare in un bel ristorante, che utilizza impattamenti particolari per le pietanze piuttosto che uno stile di vacanze lussuoso ma non appariscente né volgare. E penso che questo traspaia anche dal feedback che ho e dal tipo di persone che mi seguono.”

Quali sono i messaggi più importanti che cerchi sempre di trasmettere attraverso i tuoi post?
“Cerco di essere molto positiva e cerco di trasmetterlo attraverso i post o i video ma anche gli articoli che scrivo per il blog perché penso che sia una cosa importante; è ovvio che ognuno ha la giornata ‘no’ ma vorrei che il mio mondo virtuale che è quello del web fosse un’isola felice, sempre. Cerco di mandare sempre un messaggio molto positivo.”

fashion week milano 2016, fashion blogger alla fashion week milano 2016, carlotta rubaltelli fashion blogger, style and trouble carlotta rubaltelli,

Come ci si prepara in questo lavoro ad affrontare le fashion week?
“Per esempio io in queste ultime settimane sto cercando davvero di guardare un sacco di magazine, di pagine online e di street style non solo italiani ma anche internazionali per cercare di avere la mente più aperta possibile per creare dei look che siano il più possibile nuovi. E poi sto facendo diversi giri tra i brand con i quali già collaboro per scegliere i look che mi possono interessare o servire per la fashion week, selezionare gli eventi e le sfilate alle quali vorrò partecipare. Poi quando impari a gestire un po’ la fashion week, io ormai sono già tre o quattro anni che le faccio, ti rendi conto che quando inizia non hai più il tempo di comprare nemmeno una bottiglietta d’acqua quindi devi un po’ organizzare tutto prima, per cercare di arrivare più preparata possibile sia sui look che vuoi postare, quindi studi già in precedenza dalla calza al reggiseno adatto. Inoltre è fondamentale anche organizzarsi dal punto di vista pratico per gli spostamenti: per esempio so già cosa farò mercoledì, giovedì e venerdì poi gli altri giorni li mettiamo in agenda.”

Quali saranno secondo te gli appuntamenti imperdibili di questa Fashion Week Milano 2016?
“Sicuramente la sfilata di Gucci che sarà ancora una volta il faro per quella che sarà la moda per il prossimo anno per quanto riguarda la settimana della moda di Milano e poi vedo che quest’anno la Vogue Fashion’s Night Out, che per qualche anno è stata un po’ snobbata, quest’anno è tornata ad essere un punto di riferimento per tanti brand che hanno deciso di investire, sarà sicuramente un inizio importante. Per quel che mi riguarda quest’anno andrò anche a Parigi e secondo me sarà molto importante perché non solo Armani sfila a Parigi ma anche perché in questo momento è una città molto difficile per quanto è successo negli ultimi anni e gli stilisti vogliono secondo me vogliono rilanciare Parigi e la Francia attraverso la moda.”

C’è chi pensa che quest’anno sia quella di New York la fashion week più importante: cosa ne pensi?
“New York è sempre molto importante perché molto lunga e molto organizzata e in questo Parigi e Milano dovrebbero imparare da New York; dalla nostra abbiamo certamente la storia di brand che loro farebbero carte false per avere quindi, come in tutto, gli americani sono molto bravi a creare lo spettacolo intorno a quella decina di designer molto importanti a livello internazionale ma gli altri sono nomi piccolini mentre noi ne abbiamo veramente tanti. Noi invece tendiamo molto a sottovalutare le bellezze e le grandezze o i personaggi che abbiamo mentre loro sono bravissimi a vendertelo molto bene. Però è ovvio che sia un punto di riferimento.”

fashion week milano 2016, fashion blogger alla fashion week milano 2016, carlotta rubaltelli fashion blogger, style and trouble carlotta rubaltelli,

Dai qualche consiglio ai nostri lettori sulle tendenze dell’Autunno Inverno 2016-2017: quali sono i capi must have che non possono mancare?
“Allora sicuramente il velluto perché è davvero tornato moltissimo e lo vedremo non solo nell’abbigliamento ma anche in molti accessori e utilizzato per i total look e per i gioielli. Altre cose molto carine per l’inverno sono sia il tema del metallico come l’argento sia l’idea di avere ricami molto importanti sugli abiti, fino ad avere vestiti o anche stivaletti completamente ricamati.”

E invece dalle collezioni della Fashion Week Milano 2016 cosa ti aspetti di vedere?
“Mi aspetto di vedere una moda che sia molto innovativa ma anche molto portabile perché ci sono stati anni in cui davvero in passerella si vedevano cose che poi non erano vicine alle persone, non indossabili nella vita di tutti i giorni. Quindi spero ci sia un ritorno al fatto che la moda è e deve essere arte e deve essere un modo per stupire però non ci dimentichiamo che poi la moda deve essere indossata e vissuta dalle persone, ci deve essere un buon equilibrio.”

Grazie

Balotelli Nizza razzismo Bastia

Mario Balotelli, seconda doppietta in Ligue 1: 2 gol e vittoria contro il Monaco

X Factor 2016 Diretta Live Show 27 ottobre 2016

Dove vedere X Factor 2016: diretta Tv, streaming e orario 22 settembre 2016