in

Fatture 2013 cosa cambia, nuove annotazioni

Dai cambiamenti apportati in ambito comunitario dalla Legge di Stabilità 2013, che dal 1° gennaio ha introdotto una serie di novità riguardanti l’IVA, di recente sono state emanate ulteriori novità sugli obblighi di fatturazione relative ai soggetti comunitari, vediamo quali.

Le fatture in questione emesse, per importi non soggetti a IVA dovranno riportare per esteso le annotazioni virgolettate (fonte agenzia delle entrate):

“Operazione non soggetta”
Cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate fuori dalla UE;
Cessioni di beni in transito e depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale.

“Inversione contabile”

Operazioni Intra-UE: Per le operazioni non soggette ad imposta di cui agli art. da 7 a 7-septies DPR 633/72 effettuate nei confronti di Soggetti passivi UE che si autoaddebitano l’IVA del loro Stato Membro;
scontrino

“Operazioni interne”
Per cessioni interne per le quali l’IVA è dovuta dal soggetto passivo acquirente:
Oro, oro da investimento (art. 17, comma 5 DPR 633/72);
Rottami, cascami, avanzi di metalli non ferrosi, carta da macero stracci, scarti di ossa, (art. 74, commi 7-8 DPR633/72)
Sub-appalti in edilizia, cessione di fabbricati abitativi strumentali, cessioni di cellulari e pc.


“Operazione soggetta al regime del margine”

Regime del margine à beni usati,
Regime del margine à oggetti d’arte,
Regime del margine à oggetti di antiquariato o da collezione,
Regime del margine à agenzie di viaggi, per le agenzie di viaggi e turismo.

“Autofatturazione”
Per soggetti passivi iva, in caso di acquisti di beni o prestazioni di servizi per i quali la relativa imposta è dovuta dal cessionario o committente.

Marco Alemanno Salone del libro 2013

Salone del libro 2013: “Dalla luce alla notte”, incontro con Marco Alemanno sul libro dedicato a Lucio Dalla

Maltempo: allerta per i laghi lombardi e al Nordest, frane e smottamenti in Liguria (Video)