in ,

Federica Mangiapelo uccisa nel Lago di Bracciano: fidanzato condannato a 18 anni

È stato condannato in primo grado a 18 anni di reclusione Marco Di Muro, il 21enne accusato dell’omicidio della fidanzata Federica Mangiapelo, trovata morta nel lago di Bracciano la notte di Halloween del 2012. Si è trattato di un processo lampo, con una sola udienza, come specificato nella puntata di ‘Segreti e Delitti’ andata in onda oggi 17 luglio.

Il gup di Civitavecchia, Maresca, ha emesso la sentenza dopo 3 ore di camera di consiglio: per Di Muro una condanna che ha superato anche la richiesta a 16 anni di carcere fatta dal pm Eugenio Rubolino, ed ha riconosciuto l’imputato colpevole di omicidio volontario con l’aggravante della minorata difesa.

Secondo l’accusa Federica Mangiapelo non sarebbe morta per miocardite come invece certificò una prima perizia medica, ma per annegamento. Di Muro l’avrebbe uccisa in seguito ad una lite scoppiata per motivi legati alla gelosia, l’avrebbe prima strattonata, trascinata, e poi annegata tenendole la testa sott’acqua. La ricostruzione sarebbe stata provata dalla presenza delle diatomee trovate sul corpo della vittima ed anche sui pantaloni indossati dall’assassino la notte del delitto. Di Muro, arrestato pochi giorni fa perché era evaso dagli arresti domiciliari, ora si trova in carcere. Oggi pomeriggio dopo il pronunciamento della sentenza, i suoi legali hanno fatto sapere che intenderanno quanto prima ricorrere in appello.

cprocesso bossetti news a segreti e delitti

Caso Yara processo Bossetti: in aula le prove dei tradimenti di Marita Comi

sentenza processo scazzi

Sarah Scazzi ultima udienza processo d’appello: ore cruciali per Cosima e Sabrina