in ,

Federico Zaccone, a soli 26 anni è lo stylist delle star: “Fortunato? Sì, ma anche tanta gavetta”

A soli 26 anni ha già raggiunto grandi obiettivi, divenendo lo stylist delle star più importanti del panorama musicale italiano. Il suo nome è Federico Zaccone e la sua carriera, seppur ancora agli inizi, fa invidia a molti. Ama ritenersi un uomo fortunato, per via delle numerose esperienze lavorative che ha accumulato fino a ora, non smettendo mai di inseguire i suoi ideali e il suo sogno.

Affascinato sin dalla più tenera età dal mondo della moda e da ciò che si nasconde dietro le quinte, Federico ha frequentato l’Accademia di Costume e Moda a Milano per poi lavorare come assistente di produzione per due agenzie di spettacolo e di moda. Dopo un periodo passato come addetto ai costumi per le sfilate delle Fashion Week milanesi, fa il primo salto di qualità lavorando come assistente stylist per Laura Pausini.

E da lì un’escalation di successi: Federico passa dai camerini della D’Urso come assistente della costumista Anahi Ricca, per poi approdare negli studi del programma Mediaset “Mistero”. C’è poi la collaborazione come assistente ai costumi per uno degli show di Adriano Celentano e una serie di impegni internazionali che lo portano a rapportarsi con ambienti lavorativi differenti rispetto a quelli del suo paese d’origine. Oggi Federico collabora con la Sony ed è ufficialmente il personal stylist di tre celebrità italiane: Chiara Galiazzo, Il Volo e Lorenzo Fragola.

 

Federico, adesso sei lo stylist di Chiara. Svelaci il vostro rapporto. Lei si fida di te? Come è cambiato il suo stile da quando sei tu a seguirla?

Parlando di Chiara, devo inevitabilmente aprire una parentesi a parte, nel senso che ormai il nostro rapporto va oltre l’aspetto professionale, ci intendiamo da uno sguardo, lei conosce i miei pregi e i miei difetti e viceversa.
L’inizio del rapporto professionale come suo stylist e di conseguenza entrare in contatto con un’enorme realtà discografica come Sony, alla quale sono molto riconoscente, è stata per me la vera svolta professionale. Lei si fida molto di me e della mie scelte perché fondamentalmente abbiamo spesso la stessa visione progettuale. La sintonia che c’è fra di noi, a livello di approccio al lavoro, è stata determinante per la buona riuscita della collaborazione che dura ormai da più di anno.

Mario Biondi, Il Volo, Lorenzo Fragola. Dicci la verità, è stato difficile costruire la loro immagine dal punto di vista stilistico?

“Difficile” non lo utilizzerei come termine, perché ho cercato di rispettare la coerenza musicale di ogni artista, attribuendogli l’immagine che io ritenevo idonea, visto che la responsabilità è mia. Ho cercato di evitare le forzature, in modo da non snaturare l’artista stesso. Per esempio con Francesco Sarcina, un uomo dalla fortissima personalità artistica,  abbiamo inserito degli elementi nel look che sono stati apprezzati e che apparentemente potevamo sembrare distanti dal suo mondo ma che ben combinati hanno funzionato.

Abbiamo visto che sei stato tu uno degli stylist a Sanremo 2015. Hai curato l’immagine del gruppo “Il Volo”, alternando abiti super eleganti a giubbotti in pelle. Ma quanto ha giocato il loro abbigliamento ai fini della vittoria?

E’ stata sicuramente un’esperienza professionale per me esaltante. Ho iniziato la collaborazione con loro per l’album e il video “Grande Amore”, brano con il quale hanno vinto il Festival di Sanremo 2015, classificandosi terzi all’Eurovision Song Contest. Non ti nego che leggere il mio nome nei crediti di quel video, mi esalta molto. Da subito, grazie al supporto del Team Armani con il quale collaboriamo sin dal Festival di Sanremo, ho cercato di creare un’immagine coerente con il loro genere musicale, ma attraverso un look moderno giovanile e cool. Una della grandi soddisfazioni per me è stata senz’altro ricevere una quasi unanime coralità di apprezzamenti positivi da parte della stampa, della critica per quanto riguarda i look degli artisti di cui mi sono occupato, come Chiara, Il Volo e Moreno. 

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Ora stiamo lavorando al nuovo progetto discografico con Il Volo, prepariamo il tour di Lorenzo Fragola e poi mi attende una meravigliosa esperienza televisiva con Chiara. Non vedo l’ora di iniziare questa bellissima avventura.

E ora qualche consiglio per le lettrici di Urban Post. Come valorizzare il corpo di una donna curvy?

Il mio consiglio è quello di indossare con personalità un abito. La consapevolezza di sé è il modo migliore per sapere indossare un abito, qualunque sia la propria fisicità. Donne, meglio togliere che aggiungere!

Nightmare Venezia

Mostra del cinema Venezia 2015 omaggia Wes Craven: proiezione notturna di Nightmare

Anna e Yusef anticipazioni

Anna e Yusef – Un amore senza confini anticipazioni prima puntata del 7 Settembre 2015