in ,

Fedez Siae Diritto d’autore, il rapper milanese passa a Soundreef

Rivoluzione in atto? Molto probabile e, come sempre, a cavalcare per prima un’onda in procinto di nascere è uno dei rapper più discussi dell’intero panorama italiano: Fedez, artista milanese, ha annunciato nella giornata di oggi di aver lasciato la Società Italiana Degli Autori ed Editori, ovvero la SIAE, per passare alla “Soundreef”, piattaforma digitale con cui, adesso, l’artista meneghino collaborerà per la produzione dei suoi lavori. Federico Lucia, questo il suo nome di battesimo, non vuole sentire discussioni: “Io appoggio chi fa della trasparenza e meritocrazia un valore fondante.”

COMMENTA LA NOTIZIA INSIEME A URBANPOST!

Ma come è arrivato, Fedez, a Soundreef? Lo spiega il diretto interessato che afferma come: “Sono appassionato di Start up e ho voluto scegliere di perseguire questa strada perché reputo che l’abbattimento di un monopolio, di un colosso come la Siae, sia solo un vantaggio per tutti, un miglioramento dei servizi per il fruitore.” La Soundreef sta iniziando a muovere i primi passi: in Inghilterra, la società a cui fa capo Davide D’Atri, fondatore e amministratore delegato, è stata riconosciuta ufficialmente lo scorso marzo ed è una piattaforma digitale che gestisce il diritto di autore della musica. “La reputo una scelta coraggiosa – ha commentato proprio D’Atri – questa start up nasce dall’esigenza di voler cambiare il sistema che dà vantaggi a chi è più forte.”

ECCO L’IMPORTANZA DELLA SIAE!

La polemica relativa al Diritto d’autore ha anche strascichi politici: recentemente, infatti, il Movimento 5 Stelle ha presentato una mozione alla Camera che, però, è stata bocciata dalla Maggioranza. All’agenzia di stampa Adnkronos, il capogruppo del M5S in Commissione, Sergio Battelli, ha dichiarato come: “Noi abbiamo proposto una legge capace di rompere il monopolio della SIAE ma è stata respinta dal governo e dalla sua maggioranza.” Quali sono i vantaggi che Fedez potrà avere dalla Soundreef? Continua a spiegarlo Davide D’Astri ai microfoni de “La Stampa”: “I compensi saranno versati in poco più di un paio di settimane mentre la SIAE li rendiconta in 12-24 mesi, quello che viene suonato è pagato e gli utenti, grazie ai loro account, possono verificare in tempo reale il loro effettivo guadagno.” Fedez è stato il primo, chi lo seguirà?

mamme che lavorano, mamme che lavorano da casa, mamme che lavorano da casa vantaggi, mamme che lavorano dacasa svantaggi, mamme che lavorano da casa pro, mamme che lavorano da casa contro,

Mamme che lavorano da casa: vantaggi e svantaggi

caso noventa ultime notizie 13 maggio

Isabella Noventa news: perquisito armadietto del maresciallo compagno di Debora Sorgato