in

Vittorio Feltri su Renzi: «Non lo voterei, ma con una mossa ne ha fatti secchi quattro, tanto scemo non è!»

Come un “toro” scatenato, il direttore di Libero Quotidiano Vittorio Feltri al programma di Rete 4 “Dritto e Rovescio”, su richiesta di Paolo Del Debbio, si è prestato al “gioco delle foto”. In maniera schietta il giornalista bergamasco ha detto la sua sui principali politici italiani: da Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, passando per Matteo Renzi, al quale ha riservato un giudizio sorprendente.

Vittorio Feltri su Renzi: «Non lo voterei mai, ma ne ha fatti secchi quattro, tanto scemo non è!»

In primis Vittorio Feltri ha commentato la condotta dell’attuale premier Giuseppe Conte, il “professore prestato alla politica”, che secondo gli ultimi sondaggi è il più amato dagli italiani: «La cosa che mi innervosisce di più è quella pochette a quattro. Perché la pochette va messa a capocchia. È fighetto». Più severo il giudizio su Luigi Di Maio«Io penso che praticamente il M5S con questo taglio non è che ha tagliato una grande spesa. Si è tagliato i cogl***i», ha detto il direttore di Libero Quotidiano parlando della notizia della settimana.

leggi anche l’articolo —> Luigi Di Maio: «Nessun complotto, il governo se lo sono buttati giù da soli!» 

Una battuta che ha fatto “venir giù” il pubblico presente in studio, che si è diviso tra applausi e grasse risate. Inaspettato, invece, il giudizio di Vittorio Feltri su Matteo Renzi, che si prepara a dare il tutto per tutto alla Leopolda 2019, kermesse toscana, in cui verrà presentato il logo di Italia Viva. «Lo hanno sfottuto per più di un anno, però io constato che con una mossa sola ne ha fatti secchi quattro: Salvini, Conte, Di Maio e Zingaretti. Quindi tanto scemo non deve essere. Certo, io non lo voterei mai. Però l’uomo indubbiamente ha una sua astuzia. E quindi, di fronte all’abilità e all’astuzia, io mi inchino», ha detto con forza Feltri.

«Il nostro è un Paese che risente ancora di una mentalità diciamo… comunista!»

«Il nostro è un Paese che risente ancora di una mentalità diciamo… comunista, per cui il delinquente va protetto, mentre le forze dell’ordine vanno sempre condannate!», ha concluso poi Vittorio Feltri, che durante il suo intervento ha parlato anche del problema dell’evasione fiscale che tormenta gli italiani.

leggi anche l’articolo —> Vittorio Feltri: «Se beccassi mia moglie a letto con un altro? Le direi di cambiare le lenzuola!»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Anna Maria Bernini Instagram, l’ultimo scatto brioso diverte i “seguaci”: «Ma noi ti si ama!»

Ambra Angiolini: solo un micro top sotto la giacca, seno e ventre piatto incantano (FOTO)