in ,

Fenerbahçe – Krasnodar probabili formazioni e ultime news, sedicesimi Europa League

Fenerbahçe-Krasnodar probabili formazioni e ultime news, ritorno dei sedicesimi di Europa League 2016/2017

Domani pomeriggio mercoledì 22 febbraio 2017 alle ore 18.00 presso lo stadio Sukru Saracoglu, andrà in scena il match Fenerbahçe-Krasnodar, gara valida per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League 2016/2017. Adesso diamo un’occhiata alle probabili formazioni e ultime news relative al match Fenerbahçe-Krasnodar.

Fenerbahçe-Krasnodar 2017: Ultime News

Il Fenerbahçe, guidato dal tecnico Dick Advocaat, vuole a tutti i costi ribaltare il risultato dell’andata dove è stato sconfitto per 1-0 in casa dei russi. I turchi certamente hanno più tecnica e qualità degli avversari e, malgrado in questo momento non stanno avendo vita facile in campionato, faranno il possibile per qualificarsi agli ottavi anche grazie al supporto del pubblico. I turchi, infatti, vantano un tasso tecnico certamente superiore a quello dei diretti avversari, anche se, al momento, non stanno brillando in campionato, dove hanno raccolto solo 2 punti nelle ultime 3 giornate.

Il Krasnodar, guidato da mister Igor’ Šalimov, cercherà in tutti i modi di difendere il risultato positivo del match di andata vinto per 1-0, ma dovrà affrontare i padroni di casa che hanno il pubblico come 12 uomo in campo ed è considerato uno degli stadi più caldi d’Europa, dunque una possibile rimonta è da considerare.

Fenerbahçe-Krasnodar 2017: probabili formazioni

Fenerbache (4-5-1): Demirel, Koybasi, Skrtel, Kjaer, van Der Wiel, Sen, Souza, Tufan, Topal, Stoch, Sow. All.: Dick Advocaat

Krasnodar (4-3-3): Kritsyuk, Ramirez, Naldo, Martynovich, Kaleshin, Podberezkin, Kabore, Gazinskiy, Claesson, Smolov, Wanderson. All.: Igor’ Šalimov

news autopsia cranio randagio

Cranio Randagio morte news: ucciso da mix di droghe, esami tossicologici confermano

Street food ed eventi al Carnevale di Jesolo 2017

Carnevale Jesolo 2017: street food e divertimento per tutta la famiglia, ecco quando andare