in ,

“Fermate la guerra e noi torneremo in Siria”: la verità nelle parole di un ragazzino siriano

Si dice che i bambini siano la bocca della verità, e mai come in questo caso le parole di un ragazzino siriano valgono più di mille conferenze e comunicati stampa. “Fermate la guerra in Siria, e noi non verremmo in Europa” così un profugo siriano fermo alla stazione di Budapest ha commentato il dramma della sua gente in fuga da una guerra senza fine.

La dichiarazione è stata raccolta dall’emittente televisiva Al Jazeera di fronte alle cui telecamere il coraggioso ragazzo ha detto senza giri di parole quale sia il vero fulcro del problema. Dopo la foto del bambino siriano trovato senza vita su una spiaggia di Bodrum e l’indignazione che ha colpito il mondo è arrivato il momento di agire.

Un’azione che va fatta a tutto tondo, come ci ricordano le taglienti parole del ragazzino intervista dalla tv araba:”Il mio messaggio è: per favore, aiutate i siriani. I siriani hanno bisogno di aiuto adesso. Fermate la guerra adesso. Semplicemente fermate la guerra. Solo questo”.

Festival dell'Oriente Napoli 2015: date, biglietti e programma, dai bazar al cibo etnico

Festival dell’Oriente Napoli 2015: date, biglietti e programma, dai bazar al cibo etnico

Mario Balotelli nuova fidanzata

Mantova Milan 3-2, gol lampo di Balotelli