in

Ferrero sotto accusa: trovate sostanze cancerogene nelle barrette Kinder

Ferrero, storico marco italiano, è sotto accusa: nelle barrette Kinder, uno dei dolciumi più famosi a livello mondiale tra quelli prodotti dall’azienda, ci sarebbe una sostanza ritenuta altamente cancerogena e quindi dannosa per la salute dei consumatori.

Dopo l’alto contenuto di olio di palma, Ferrero torna sotto i riflettori ma per una questione molto più grave: la multinazionale dolciaria, infatti, è sotto accusa a causa di alcune sostanze presenti nelle celebri barrette Kinder che da sempre sono uno degli snack più amati dai bambini ma anche dagli adulti. Ma cosa renderebbe pericolose queste merendine? Secondo l’associazione tedesca Foodwatch, che nei mesi scorsi ha effettuato diversi test su numerosi prodotti alimentari, in alcuni dolciumi Ferrero ci sarebbero una quantità eccessiva di oli derivati da idrocarburi.

L’associazione tedesca, in particolare, in alcuni prodotti della storica azienda italiana ha riscontrato un livello troppo alto di Moah: questa sigla va ad indicare i Mineral Oil Aromatic Hydrocarbons, oli derivati da idrocarburi spesso presenti nel packaging degli alimenti. Nonostante non si conosca ancora il loro livello di tossicità, alcuni studi hanno ipotizzato che un’assunzione costante e prolungata di Moah possa risultare cancerogena: l’associazione tedesca è quindi partita all’attacco consigliando di non acquistare questi prodotti se non si vogliono correre rischi. Non si è fatta ovviamente attendere la risposta della Ferrero che ha dichiarato che la presenza di queste sostanze “riguarda una grande varietà di prodotti alimentari di diverso tipo” e chele aziende del settore hanno fatto molto negli ultimi anni per ridurre la presenza di queste sostanze, con dei buoni risultai”. Nessuna risposta certa, quindi: qualcuno, infatti, non esclude che possa essere una mossa per screditare la famosissima multinazionale.

App Terremoto

Diabete e patologie cardiache: in arrivo per smartphone app che salverà la vita ai pazienti

veronica panarello letterea al marito

Loris Stival, nuova perizia difesa Panarello rivela: “Arma delitto cavo usb, non fascette”