in , ,

Festa dei Lavoratori 2016: la storia e il significato, come e perché è nata la festa del 1° maggio

Anche quest’anno la Festa dei Lavoratori torna ad accendere i riflettori sulle battaglie combattute nell’ambito del lavoro e suoi traguardi raggiunti a livello sociale ed economico. Ma come e perché è nata questa ricorrenza? Quali sono la storia e il significato della festa del 1° maggio?

Ai primi giorni di maggio del 1886 risale la rivolta di Haymarket di Chicago, tristemente legata ad alcuni gravi episodi di violenza che ebbero a che vedere con le lotte sindacali. Il 3 maggio alcuni lavoratori scioperarono di fronte all’ingresso dell’azienda di macchine agricole McCormick, scatenando la reazione della polizia, che per sopprimere l’assembramento cominciò a sparare sui manifestanti causando due vittime e ferendone altri. Per far sentire la loro voce contro le forze dell’ordine, gli anarchici locali promossero una manifestazione nella piazza che ospitava il mercato delle macchine agricole, l’Haymarket square, scatenando nuovamente l’intervento della polizia, che il 4 maggio tornò ad accendere il fuoco sui manifestanti causando altre vittime.

SCOPRI TUTTE LE PROPOSTE PER IL PRIMO MAGGIO SU URBAN POST!

L’11 novembre dell’anno successivo, ovvero il 1887, si verificò un altro drammatico avvenimento: dodici persone, di cui quattro organizzatori sindacali, quattro operai e quattro anarchici, furono impiccate per aver organizzato il 1° maggio del 1886 una manifestazione per ottenere la riduzione della giornata lavorativa a otto ore.

L’iniziativa varcò i confini nazionali, divenendo simbolo delle rivendicazioni operaie in molti paesi del mondo e d’Europa. L’idea fu rilanciata a Parigi, durante il congresso della Seconda Internazionale del 1889, quando fu indetto uno sciopero per chiedere che le ore lavorative giornaliere fossero portate a otto. Ricordiamo, tuttavia, che negli Stati Uniti la festa del Labour Day non cade il 1° maggio, ma bensì il primo lunedì di settembre, ricordando le rivendicazioni denominate Nine-Hour Movement che avvennero ad Hamilton e poi a Toronto, in Canada.

In Italia la festa fu istituita nel 1890; dal 1924 al 1944 – per volere del fascismo – fu sostituita dalla festa del Natale di Roma (21 aprile), data leggendaria che ricorda la fondazione della Capitale. Nel 1947 si tornò a festeggiare come ricorrenza nazionale.

In apertura: Giuseppe Pellizza da Volpedo – Il quarto stato

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

elio e le storie tese tour, elio e le storie tese date, elio e le storie tese concerti, elio e le storie tese biglietti, elio e le storie tese nuovo album, elio e le storie tese album,

Elio e le Storie Tese, Rocco Tanica smette: “Non ho più il fisico”

Mostra Torino Organismi GAM

Mostre Torino Maggio 2016, alla GAM arriva “Organismi. Dalla Art Nouveau di Émile Gallé alla Bioarchitettura”