in ,

Festa dei nonni 2015: mamma, papà e bambini sulle spalle

Il 2 ottobre, giorno in cui vengono festeggiati gli Angeli Custodi, è anche la Festa dei nonni, nata “per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale“. La relazione che si crea tra bambino e nonno/a è certamente una tra le esperienze più emozionanti che possano capitare in vita. Entrambi hanno molto da dare e da insegnare, uno all’altro.

I nonni sono in seconda fila, naturalmente, e dovrebbero aiutare il piccolo durante la crescita, senza invasioni di campo, ma con la saggezza che dovrebbe aver portato loro l’esperienza… I consigli, se richiesti, gli aiuti, se richiesti, le presenze, se richieste… Ci sono i nonni giocherelloni, quelli “bambinoni non cresciuti”, i nonni sportivi, i nonni lettori, i cuochi , quelli che coccolano a prescindere, i brontoloni, quelli che aiutano nei compiti, quelli che li portano in vacanza, regalano le paghette settimanali, che aiutano in casa, vanno a prenderli a scuola, che inventano favole ricche di suspance… ci sono anche quelli che non vogliono esser chiamati Nonni perché si sentono invecchiare: i nonni condividono le loro passioni e le trasmettono ai piccoli.

Il nonno suona, la nonna va in palestra, vanno a vedere una mostra d’arte insieme. I nonni dovrebbero esser le figure dolci, angeliche, che i bimbi vedono come Amico. L’importante, per i nonni (soprattutto le nonne) è non sostituirsi ai genitori, non essere ingombranti, ma, se questi glielo permettono, aiutarli a crescere con visioni mentali ampie e arricchimenti di pensieri.

Photo Credit: Monkey Business Images / Shutterstock

stefania pezzopane

Stefania Pezzopane e Simone Coccia Colaiuta matrimonio tradizionale a L’Aquila

FIGC calcio femminile serie a

Calcio femminile, ammonite le giocatrici di Brescia e Verona per striscione di protesta