in ,

Festa dei Nonni, 5 film per festeggiarli come si deve [FOTO]

Il 2 ottobre ricorre la Festa dei Nonni, una ricorrenza nata da pochi anni ma che ha già riscosso successo in tutto il mondo. Una giornata interamente dedicata ai “secondi genitori”, coloro i quali con le loro storie e i loro aneddoti ci consentono di rivivere epoche mai viste. Quelle figure, materne e paterne, capaci di farci sentire un po’ meno soli da piccoli quando erano l’unica ancora di salvezza per sfuggire al pericolo “asilo nido”. Quale miglior modo per festeggiarli se non attraverso il Cinema? Di seguito, una carrellata di pellicole cinematografiche da rivivere insieme a loro per festeggiarli come si deve. Siete pronti? Via…

>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA CON URBANPOST<<<

 

up

UP – Il primo film d’animazione della Pixar Animation Studios, uscito nel 2009 e trionfante ai Premi Oscar 2016 con la statuetta d’oro in qualità di “miglior film d’animazione”. La pellicola racconta la storia di Carl Fredricksen, un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell’età. Quando la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno bussa alla sua porta Russell, un boyscout di 8 anni che deve fare la sua buona azione. Sarà con lui che Carl Fredricksen intraprenderà il viaggio dei suoi sogni in Sudamerica…

pretty-princess

PRETTY PRINCESS – Film del 2001 con Anne Hathaway e Julie Andrews nel cast. La pellicola racconta lo strano rapporto tra una nonna e una ragazza che si ritrovano, da un giorno all’altro, catapultati in una realtà inaspettata. L’imbranata Mia scopre di essere una principessa. Erede al trono del principato di Genovia, Mia scopre le sue origini regali grazie alla nonna Clarisse Renaldi che le rivela la notizia a causa della morte del padre. È quindi dovere di Mia diventare una buona principessa e seguire le lezioni di etichetta da sua nonna, tutto questo in gran segreto per paura della stampa. Ma la vera identità di Mia viene tradita da Paolo, il parrucchiere/estetista di corte. Tutti vogliono diventare improvvisamente amici di Mia…

willy-wonka

WILLY WONKA E LA FABBRICA DI CIOCCOLATO – Una pellicola diventata cult e realizzata nel 1971 dal regista Mel Stuart, basandosi sul romanzo scritto da Roald Dahl. Il piccolo Charlie Bucket vive con la madre e i suoi quattro nonni in una misera casupola all’ombra della fabbrica di cioccolato del grande Willy Wonka, il misterioso fabbricante di dolci che dominava l’intero mercato mondiale. Quando quest’ultimo bandisce un concorso tutto cambia: ai cinque fortunati che troveranno i biglietti dorati nelle tavolette di cioccolato Wonka sarà loro concesso di visitare la fabbrica e a uno dei vincitori una scorta di dolci Wonka da bastare per tutta la vita.

belle-e-sebastien

BELLE E SEBASTIEN – Film del 2013, racconta la storia di un giovanissimo bambino, Sebastien, in fuga dalla Seconda Guerra Mondiale che si ritrova nelle Alpi francesi. Durante la sua fuga incontra Bella, una femmina di cane che abita nei boschi. Belle e Sebastian riusciranno a dimostrare tutto il loro valore portando in salvo al di là delle montagne una famiglia di fuggitivi inseguiti dai militari tedeschi.

arthur-e-il-popolo-dei-minimei

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINIMEI – Una pellicola realizzata nel 2006 in cui si racconta la simpatica avventura di questo giovanissimo bambino, Arthur, alle prese con un malvagio speculatore che vuole impossessarsi della casa di sua nonna. Ed Arthur non può contare sui genitori o i nonni per risolvere il problema. Forse la soluzione si trova nel tesoro del nonno, nascosto da qualche parte in un’altra dimensione, nel paese dei Minimei. Le creature che abitano questo mondo sono grandi poco più di due millimetri e mezzo e vivono in totale armonia con l’ambiente…

Seguici sul nostro canale Telegram

Selvaggia Lucarelli derubata

Selvaggia Lucarelli Facebook: commento al vetriolo su Stefano Bettarini e Clemente Russo

assegni familiari 2018

Pensioni 2016 news oggi: Ape come funzione e per chi, differenze con la flessibilità di Cesare Damiano