in ,

Festa della Mamma: Nina Moric e Vittorio Sgarbi sbeffeggiano i figli delle coppie gay su Facebook, è polemica

Festa della Mamma, Nina Moric la fa grossa su Facebook: scrive questo post sul social “Ma i bambini adottati da una coppia omosessuale oggi che fanno?” e le si scatena contro la rivolta del popolo della Rete.

Valanga di commenti feroci al suo indirizzo per avere mancato di rispetto ai figli delle coppie omosessuali, c’è addirittura chi per offenderla ha tirato in ballo i suoi trascorsi personali che le hanno fatto perdere l’affidamento del figlio avuto da Fabrizio Corona: “Disse quella alla quale tolsero in figlio perché incapace di fare la madre come si deve e lo affidarono alla nonna”.

Le critiche degli utenti devono averla toccata, tant’è che poco fa è nuovamente intervenuta su Facebook pubblicando questo lungo post: 

“Amici gay, state facendo una polemica stupida.
La volete fare intelligente ? Eccovi accontentati:
– più della metà dei miei amici omosessuali non è favorevole alle adozioni per coppie dello stesso sesso.
– non lo sono nemmeno io, non credo si possa privare un bambino dell’amore materno o paterno.
– i gay che hanno figli al momento non li hanno adottati dagli orfanotrofi, né dalle favelas né dall’Africa, ma hanno usato altri metodi, mettendone al mondo altri.
– continuare a tirare in ballo mio figlio non fa di voi belle persone.
– in ultimo, alla legge Cirinnà sulle unioni civili ( legge che ho sostenuto ) manca un pezzo fondamentale. L’obbligo di fedeltà e non ho mai sentito uno solo di voi sollevare questo problema.
E adesso blaterate pure”.

A fare anche di peggio Vittorio Sgarbi, che poche ore fa sul suo Facebook ha scritto: “Auguri a tutti i figli di due padri che oggi, invano, cercheranno una madre a cui fare gli auguri”. In breve tempo queste parole hanno ottenuto non solo critiche, ma anche molti consensi. Sono infatti 64mila i like degli utenti e quasi 10mila le condivisioni del post, giudicate voi:

scomparsa maria chindamo news lettera anonima

Maria Chindamo news, lettera anonima al parroco: la svolta nel caso è vicina?

Vibo Valentia: donna al terzo mese di gravidanza morta dopo malore, disposta autopsia