in

Festival dell’Oriente 2016, da Bologna a Torino: un programma che incanta [FOTO]

Colori caldi, profumo d’incenso, sapori speziati e musiche ancestrali si sono incontrati a Bologna in occasione del Festival dell’Oriente, la grande rassegna pensata per avvicinare il grande pubblico al mondo esotico e seducente di un continente sconfinato.

Anche oggi domenica 6 marzo 2016 le porte del quartiere fieristico della città apriranno a curiosi e appassionati immergendoli in un mondo variopinto, dalle ore 11 alle 23. Poi l’evento si sposterà nel complesso fieristico di Lingotto Fiere, a Torino, dall’11 al 13 marzo e dal 18 al 20 marzo, permettendo anche al pubblico torinese di apprezzare la cultura e le tradizioni di terre lontane.

Ma che cosa rende questa manifestazione imperdibile? Girovagando tra le bancarelle si rimane inebriati dal profumo di spezie esotiche e dall’aroma intenso e penetrante dell’incenso. Gli spazi, allestiti proprio come un allegro e colorato bazar orientale, mettono in mostra un assortimento sorprendente e spettacolare di manufatti artigianali: si va dalle bamboline giapponesi ai bigliettini di origami, dai kimono di seta alle campane tibetane, dai monili finemente cesellati agli eleganti servizi da té, in un vortice di colori e profumi, capace di accecare i sensi. E poi ancora: oli essenziali, balsamo di tigre, burro di karitè e molti altri rimedi medicamentosi.

SCOPRI TUTTE LE IDEE DI VIAGGIO SU URBAN POST!

Passeggiando, tra uno stand e l’altro, potrete ammirare le abili intagliatrici di zucche e verdura o incantarvi di fronte alla ricca esposizione di abiti della tradizione, mentre l’atmosfera è invasa dai cori allegri degli Hare Krishnaa. Nel palco principale, cuore della manifestazione, si alternano artisti provenienti da ogni dove, pronti ad allietarvi ora con canti spirituali, ora con danze sensuali: le movenze seducenti delle ballerine di danza col ventre si alternano ai ritmi travolgenti degli allegri Bhangra Vibs, in un crescendo di spettacolo e meraviglia.

Il settore “food”, col suo gioioso assortimento di sapori, è pronto a soddisfare tutti i palati, spaziando dal mondo dell’Egitto alla speziata cucina indiana, dalle specialità cinesi a quelle meno note del Tibet, dal fino ad arrivare ai pasticcini siriani con mandorle e pistacchi. E poi fatevi coccolare nell’area olistica, tra massaggi, yoga e spiritualità.

Pronti a partire per terre lontane? Date un’occhiata alle fotografie scattate da UrbanPost; il biglietto intero costa 12 euro (sicuramente ben spesi, considerata la ricchezza della proposta).

accoltellare

Roma, ragazzo di 23 anni ucciso in casa: fermate due persone

Bolzano incidente stradale

Grosseto, trovato un cadavere sulla spiaggia: indagano i Carabinieri