in

Festival dell’Oriente Bologna 2016: date, biglietti e programma, tra fascino esotico e bazar colorati

Il Festival dell’Oriente torna ad entusiasmare il pubblico di Bologna: l’attesissimo appuntamento, ospitato nei padiglioni della fiera cittadina anche nel 2015, è pronto ad accogliere nuovamente il pubblico, introducendolo alle tradizioni e ai segreti dell’affascinante mondo orientale.

Curiosi di conoscere le date? Due i weekend da tenere a mente per partecipare a questo spettacolo colorato e suggestivo: quelli del 26-28 febbraio e del 4-6 marzo 2016. Ricchissimo il programma di eventi, pronto a soddisfare tutti i tipi di gusti ed esigenze, spaziando dagli spettacoli di danza alle occasioni per avvicinarsi alle discipline bio-naturali, dai riti della tradizione alle arti marziali, fino ad arrivare alla gastronomia e ai workshop culinari e non solo. Quest’anno l’area che ospita la fiera si arricchisce di un nuovo padiglione, permettendo di ospitare un bazar orientale più ricco (aggiunti 150 stand rispetto all’edizione precedente) e molte altre proposte culturali, tra cui merita di essere menzionata l’area “Il Mondo che vorrei”, dedicata alla cura del corpo e dell’anima, dove sarà possibile accedere a uno spazio wellness e conoscere più da vicino diverse discipline olistiche, sia orientali che occidentali.

Passione per il cibo etnico? 18 i ristoranti pronti a deliziare i palati più esigenti, offrendo al pubblico la possibilità di testare – oltre alla più conosciute specialità cinesi, giapponesi e indiane – la cucina indonesiana e quella vietnamita, o ancora piatti provenienti dal Bangladesh, dall’Egitto o dal Vietnam, solo per citare alcuni paesi. Amate lo shopping? Nessuna paura: sarà bellissimo curiosare tra le variopinte bancarelle e lasciarsi sorprendere dalla foggia di molti raffinati prodotti artigianali.

SCOPRI TUTTE LE IDEE DI VIAGGIO SU URBAN POST!

Tra le novità del 2016, anche un’area bimbi con tanto di animazione, lo spazio “Le Mille e una notte” con la riproduzione della Medina e una mostra di abiti tradizionali.

La fiera rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni dalle ore 11 alle 23; il costo del biglietto intero è di 12 euro. Se vi abbiamo convinto a partecipare, approfittatene per conoscere Bologna, dove oltre a visitare la mostra dedicata al genio fiammingo di Brueghel (aperta fino al 28 febbraio), potrete percorrere a ritmo slow i caratteristici portici, regalandovi una passeggiata suggestiva alla scoperta della città. Non riuscite a partecipare all’appuntamento bolognese? E’ in programma un’altra tappa al Lingotto di Torino, dove sarà possibile visitare il Festival dell’Oriente dall’11 al 13 marzo e dal 18 al 20 marzo.

Foto in apertura tratta dalla pagina Facebook ufficiale “Festival dell’Oriente”

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

umberto eco morto

Umberto Eco e “Il Nome della Rosa”, quando il suo romanzo diventò una pellicola cinematografica

Umberto Eco rito civile

Umberto Eco, funerali: rito civile a Milano il 23 febbraio, questo l’orientamento della famiglia