in ,

Film in uscita dicembre 2016, La Stoffa dei Sogni e la commedia di Eduardo De Filippo al cinema: trama, cast e trailer

Tra i film in uscita a dicembre 2016 c’è anche un titolo italiano, La Stoffa Dei Sogni, nelle sale a partire da domani, 1 dicembre 2016. Il film è tratto da L’Arte della Commedia di Eduardo De Filippo ed è stato scritto da Gianfranco Cabiddu (anche regista, ndr.) insieme a Ugo Chiti. Il cast de La Stoffa dei Sogni si avvale di attori di primo piano come Sergio Rubini, Ennio Fantastichini, Gaia Belluggi, Teresa Saponangelo e Renato Carpentieri.

>>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA CON URBANPOST <<<

La stoffa dei sogni racconta le vicissitudini di una modesta “compagnia di teatranti” che naufragano insieme a dei pericolosi camorristi sulle coste di un’isola in mezzo al mediterraneo. Non in un’isola qualunque, ma all’Asinara, un’isola-carcere in mezzo al mediterraneo. E’ il primissimo dopoguerra e per il Direttore dell’isola-carcere è impossibile distinguere i pericolosi camorristi dai teatranti. Il Direttore cova un forte odio verso il teatro perché è stato abbandonato dalla moglie attrice, e si è auto-esiliato con la figlia appena adolescente a dirigere l’isola-carcere. Il Direttore trova così l’occasione per la sua vendetta: costringere tutti i naufraghi a mettere in scena una commedia, che gli svelerà la differenza tra il vero e il falso, tra chi è attore e chi no, e riuscirà così a smascherare i camorristi/naufraghi che si confondono con gli scalcinati attori nella speranza di sfuggire alla prigione. Da queste premesse si sviluppa una commedia piena di colpi di scena, che “deriva” direttamente da La Tempesta di W. Shakespeare e dall’Arte della Commedia di Eduardo De Filippo, ambientata nello splendido scenario incontaminato dell’isola dell’Asinara. Il centro di tutto è il Teatro, il teatro universale del mondo. Attraverso le picaresche vicende della compagnia dei comici, improvvisamente cresciuta di numero per l’ingresso “abusivo” dei feroci camorristi, dalle prove nel carcere alla messa in scena della Tempesta di Shakespeare, dall’amore tra l’inquieta figlia del Direttore con il figlio del boss, alla figura dolorosa di Calibano, unico abitante superstite di un’isola “occupata” dal carcere, si dipana, per assonanze, il tema profondo dello specchiarsi dell’arte nella vita reale, della necessità dell’arte nella vita dell’uomo; e viene alla luce la linea narrativa più profonda che tratta il tema universale della colpa, della vendetta, del riscatto e del perdono.

Il regista de La Stoffa dei Sogni, Gianfranco Cabiddu, ha così commentato il suo film: “Il mio intento è di trarre un film da La tempesta nella concezione teatrale della traduzione in napoletano di Eduardo De Filippo, usando come “punto di partenza” la sua Arte della Commedia: l’esigenza del teatro in una qualsiasi società, il rapporto realtà/finzione, la diversità, l’incomprensione, la vendetta e la grazia. Tutto questo a me, sardo e isolano, che ho avuto la fortuna di incontrare e lavorare per Eduardo, sembra più vicino: perfettamente consapevole che questo progetto di film mi renderà la vita difficile, il che – direbbe Eduardo – è uno degli scopi dell’esistenza.”

Seguici sul nostro canale Telegram

Dorothea Wierer biathlon

Dorothea Wierer biathlon, le foto della bellissima atleta che strega tutti su Instagram

Google notizie false e notizie bufale

Bufale, BuzzFeed incastra il Movimento 5 Stelle: ecco i siti incriminati