in ,

Film in uscita maggio 2016, Era d’Estate dedicato a Paolo Borsellino e Giovanni Falcone [TRAILER]

Il 23 maggio non è un giorno qualunque da quel lontano 1992: l’attentato al giudice Giovanni Falcone è una ferita ancora aperta per il popolo italiano. Due mesi prima dell’ultimo vero attentato di mafia con protagonista Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta: ogni anno, di questi tempi, sono tanti i ricordi di quei tristi giorni per non perdere di vista mai la memoria di due uomini che, come tanti altri, sono rimasti vittima della mafia. Questa volta, nelle sale cinematografiche, arriverà un film-documentario realizzato da Fiorella Infascelli che racconterà la vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sette anni prima della loro morte: in “Era d’estate”, infatti, la regista italiana racconterà il periodo antecedente al maxi-processo, quando Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono costretti a trasferirsi a L’Asinara, nel 1985, per sfuggire a un attentato che Cosa Nostra aveva già organizzato.

TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA CON URBANPOST!

La pellicola, in uscita nelle sale cinematografiche giorno 23 maggio 2016 in tutta Italia, è stata scritta da Fiorella Infascelli insieme ad Antonio Leotti e prevede un cast ricco di ottimi attori: Massimo Popolizio sarà Giovanni Falcone mentre Giuseppe Fiorello indosserà i panni del giudice Borsellino. I due saranno accompagnati da Valeria Solarino, nei panni di Francesca, mentre Elisabetta Piccolomini sarà Lina con Agnese interpretata da Claudia Potenza.

METTI MI PIACE A URBANSPETTACOLO

Era d’Estate porta la firma di Fabio Cianchetti alla fotografia, curata nei minimi dettagli e, appunto, racconta la vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino alle prese con la vita isolata presso l’Asinara controllati, a vista, dalle rispettive scorte. Una condizione che le rispettive famiglie dei giudici hanno sostenuto non senza poche difficoltà.

unicredit start lab 2016

Startup, Tel Aviv BootCamp: la quinta edizione guarda alle imprese “in rosa”

Disturbo ossessivo compulsivo

Disturbo ossessivo compulsivo: una donna lo ha trasformato in lavoro, ecco come