in ,

Film in uscita Dicembre 2015: Il Mago, l’incredibile vita di Orson Welles al cinema per soli due giorni

In occasione dei 30 anni dalla scomparsa di Orson Welles e nell’anno in cui avrebbe compiuto 100 anni, il cinema italiano omaggia il grande artista con un’uscita speciale nelle sale italiane: tra lunedì e martedì verranno proiettate le 110 copie disponibili de “Il Mago – L’incredibile vita di Orson Welles”.

Prodotto da Chuck Workman su iniziativa della BIM, il film ripercorre la vita dell’artista che ha segnato l’arte cinematografica degli anni ’20. Attore, scenografo e regista, Orson Welles era nato a Kenosha – vicino a Chicago – nel lontano 1915: quasi obbligato dalla madre, Welles debutta nel mondo dello spettacolo a soli 3 anni suonando il pianoforte ma celebri sono anche i suoi giochi di prestigio che, imparati da Houdini, utilizzava per intrattenere gli ospiti. Orson Welles era un vero e proprio bimbo prodigio e, come spesso accade, ciò gli si riversò contro: per molti è come se avesse vissuto 4 vite, tutte segnate dalla necessità di sedurre e piacere e da una vecchiaia in solitudine.

Il Mago – L’incredibile vita di Orson Welles verrà proiettato nei cinema durante le giornate di Lunedì e Martedì, rispettivamente 30 Novembre e 1 Dicembre: distribuito in sole 110 copie, lo speciale evento ripropone la figura di Welles come il mito che cambiò radicalmente il cinema americano degli anni ’20. Il film in edizione speciale vuole ripercorrere le fasi della vita del grande attore e sceneggiatore che lo hanno portato ad allontanarsi dal mondo dello showbiz più tradizionale e cimentarsi invece nella sperimentazione che, in America, toccò l’apice con Quarto Potere. Dopo quel film, Welles abbandonò gli Stati Uniti per raggiungere l’Europa che, in quegli anni, era un pullulare di avanguardie e sperimentazioni.

Domenica Live Orietta Berti

Orietta Berti a Domenica Live intervistata da Barbara D’Urso ha raccontato 50 di carriera

Emma adesso-arriverà l'amore 744x445

Emma Marrone Instagram: una coppia di scheletri, “Arriverà l’amore”?