in

Fitch: declassamento del Comune di Napoli (quasi) a livello “spazzatura”

Dopo il sistema Paese (Italia) anche Napoli subisce il taglio del proprio rating da parte di Fitch. Il capoluogo partenopeo, Capitale del Sud, passa da BBB a BBB-, grado immediatamente antecendente al livello “spazzatura” (Junk).

La retrocessione, però, ha riguardato anche altre regioni del Bel Paese come la Valle D’Aosta, più virtuosa, ma che comunque ha fatto registrare il passaggio da A ad AA-. Stessa sorte per il Friuli Venezia Giulia e per il Lazio che ha realizzato un “salto mortale”, ma all’indietro, da A- a BBB. Motivazioni da ricercare nei bilanci delle amministrazioni comunali sempre più in perdita e vicini ai livelli di default (commisariamento).

palazzo caduto napoli

Non se la passano meglio Calabria (BBB+) e Sicilia (BBB).Chiudono la Lombardia, da A- a BBB+ ed il Veneto da BBB a BBB+. 

Per quanto concerne Napoli, l’agenzia ha giustificato il taglio attraverso un’analisi prospettica del livello di liquidità del Comune data dalla previsione di un aumento materiale del debito e che “nel quadro di un piano di risanamento, al Comune di Napoli potrebbe essere concesso dallo Stato un prestito fino a 300 milioni di euro per finanziare il deficit di bilancio”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Agenda di Papa Francesco: ecco le urgenze

News As Roma, nuova Fidelity Card al posto della Tessera del tifoso