in ,

Flop di Forza Italia alle elezioni regionali in Sardegna

Clamoroso flop della rinata Forza Italia alla sua prima prova con le urne, alle elezioni regionali in Sardegna. Il partito di Silvio Berlusconi ha incassato sinora un misero 18,44% quando siamo a 1210 sezioni scrutinate su 1836.  Gli azzurri hanno portato alla sconfitta il candidato Ugo Cappellacci, presidente uscente eletto trionfalmente nel 2009 con oltre il 51% dei consensi e cinquecentomila voti, mentre oggi è fermo di  poco sopra quota duecentomila.
elezioni_Sardegna

Una debacle in parte spiegabile con il grande assenteismo dei sardi alle urne: in queste elezioni ha votato soltanto il 52,34% dei sardi, 774.939 cittadini su 1 milione 480.332 aventi diritto. Rispetto alle ultime regionali il calo è addirittura di 15 punti percentuali: nel 2009 l’affluenza fu infatti del 67,58%.

Tuttavia in molti si aspettavano un risultato migliore per gli uomini di Silvio, nonostante Cappellacci. Evidentemente non è riuscito il giochetto di accreditarsi come un partito di opposizione, nonostante il campo libero lasciato dal Movimento 5 Stelle (che non si è presentato alle urne) e dai velleitari tentativi di Mauro Pili e Michela Murgia.

Anche il Partito Democratico non sorride fino in fondo anche se governerà la regione con il professor Francesco Pigliaru che sfiora il 43%, praticamente lo stesso risultato che ottenne Renato Soru nel 2009 perdendo. I democrats sardi incassano per il momento un misero 22%, due punti in meno di quanto raccolto nel 2009 pur con la sconfitta del fondatore di Tiscali.

Pep Guardiola

Bayern: la “dichiarazione d’amore” di Rummenigge per Guardiola (Video)

il protagonista Davide il bello

Braccialetti rossi, record di ascolti e commozione sui social network