in

Florence Korea Film Fest 2013 con Jeon Do-Yeon. Nuovi K-Eros e K-Animation

Come ogni anno, arriva puntuale subito prima della primavera, il Florence Korea Film Fest. La manifestazione, che quest’anno arriva all’undicesima edizione, è ricca di eventi.
Lo scorso anno il premio del pubblico è stato vinto dal film romantico-drammatico Late Blossom di Choo Chang-min e il successo dell’evento è stato tale che Riccardo Gelli, il patron della manifestazione, si era già mosso per organizzare l’evento di quest’anno.
Coincidono le date, purtroppo non ci sarà l’ospite d’onore che voleva, il grande regista Kim Ki-Duk.
Tuttavia sarà proprio la sua pellicola Pietà a chiudere il festival. Il film del maestro ha già trionfato lo scorso anno alla Mostra del Cinema di Venezia.

Comunque l’edizione di quest’anno non dovrebbe deludere i fans, anche senza la presenza del regista. Madrina dello spettacolo sarà la star asiatica Jeon Do-Yeon, attrice famosissima in Corea a cui l’Italia per la prima volta dedica una retrospettiva.

Jeon Do-Yeon, carattere schivo, selettiva, poliedrica, in Corea è considerata come un modello ispiratore per tutti coloro che lavorano nel mondo del cinema, sebbene nella sua carriera abbia interpretato solo 14 film. Preferisce ruoli drammatici ed è stata la prima asiatica ad essersi aggiudicata con Secret Sunshine di Lee Chang-dong il “Prix d’interprétation féminine” al Festival di Cannes del 2007, che contribuisce a diffondere la sua fama anche all’estero.

La retrospettiva del Korean Film Festival propone questo film lunedì 18 marzo. Gli altri 7 film in programma sono una scelta delle pellicole più belle, da quella dell’esordio The Contact a My mother the mermaid, in cui interpreta addirittura due ruoli.

Se Pietà chiuderà l’evento il 24 marzo, ad aprire le danze, invece, sarà Masquerade di Choo Chang-Min, un kolossal storico record di incassi in Corea.
Due sezioni sono la novità di quest’anno: K-Eros, retrospettiva di 8 film dagli anni 80 fino ad oggi, dedicata al genere erotico capace di mostrare i cambiamenti che in 20 anni hanno toccato la società coreana.
K-Animation, come si evince dal nome, è dedicata ai film di animazione e per i bambini segnaliamo Padak, la storia di un piccolo sgombro che, finito nelle reti dei pescatori, potrebbe diventare una porzione di sushi.

Il Korean Film con le sue prime visioni, i corti, i grandi ospiti, si presenta come un festival unico nel suo genere, capace di offrire agli appassionati un panorama della Corea, della sua cultura e dei suoi costumi, un’occasione da non perdere per tutti gli amanti dell’Oriente.
Sul sito ufficiale dell’evento trovi tutte le informazioni con i film in programma.
Korean Film Festival, dal 15 al 24 marzo a Firenze, Cinema Odeon Piazza Strozzi.
Non mancare.

Seguici sul nostro canale Telegram

Emergenza Casa Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle offre lavoro: selezioni online

Anche Rocco Casalino (ex Gf) con il Movimento 5 Stelle?