in

Florida, Boeing 737 fuori pista finisce in un fiume: a bordo dell’aereo 143 persone

Un aereo militare che trasportava 143 persone è scivolato fuori dalla pista ed è finito in un fiume durante un pessimo atterraggio all’aeroporto di Jacksonville. Centoquarantatre le persone tratte in salvo, tra queste 21 sono rimaste ferite, ma nessuna in gravi condizioni. Un bilancio che poteva essere decisamente peggiore, se si considera la dinamica dell’incidente.

Florida, aereo fuori pista finisce in un fiume: a bordo del Boeing 143 persone

Secondo quanto riportato dai media locali un Boeing 737 della Miami Air è finito fuori pista a Jacksonville ed finito nel fiume limitrofo, il St. Johns River, durante un atterraggio di emergenza. Il velivolo proveniva dalla base di Guantanamo, a Cuba: i passeggeri sono stati tutti tratti in salvo, a causa di alcune ferite, seppur lievi, per alcuni però (circa una ventina) è stato necessario il trasporto in ambulanza verso l’ospedale più vicino. Il pessimo atterraggio si è verificato poco dopo le 21.30 e stando ai media locali il velivolo non è stato completamente immerso nell’acqua, per grande fortuna dello staff della compagnia e degli stessi passeggeri a bordo. L’aereo, affittato dal Dipartimento della Difesa, era operato dalla Miami Air International, compagnia aerea di charter che vola da Guantanamo alle basi di Jacksonville e Norfolk, in Virginia. In genere questi voli ospitano i militari che vengono spostati da una base a un’altra assieme alle proprie famiglie.

Florida aereo finisce nel St. John River: i passeggeri tratti in salvo

Una tragedia evitata. I soccorsi sono arrivati immediatamente sul posto e le operazioni si sono svolte al meglio: dopo aver portato al sicuro i militari e i familiari a bordo, i vigili del fuoco si sono dedicati all’aereo. Tuttora, questi, infatti, sono al lavoro per tentare di contenere la fuoriuscita di carburante nel fiume. Secondo fonti attendibili a determinare il drammatico incidente il maltempo: l’aereo si è ritrovato nel pieno di una tempesta con venti fortissimi e un temporale pericoloso. Dopo la messa a terra dell’intera flotta di 737 Max, per Boeing un altro grave problema da affrontare. Soltanto le dovute perizie chiariranno la dinamica dell’incidente e potranno stabilire le reali cause.

leggi anche l’articolo —> Mantova, elicottero precipita, muore Bonacini di Cellular Line Italia: voleva salutare un amico

(Foto Fonte Daily Mail)

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Mantova, elicottero precipita, muore Bonacini di Cellular Line Italia: voleva salutare un amico

Moncalieri, muore su una sedia della sala d’aspetto: al pronto soccorso se ne accorgono dopo ore