in ,

Forex: ecco la lista dei broker affidabili per fare trading online

Le varie offerte di guadagno online possono essere molto rischiose. Non bisogna farsi quindi attrarre dai soldi facili, ma cercare i siti più sicuri, anche se all’apparenza tutti appaiono estremamente professionali e degni di fiducia. DailyForex, ad esempio, ha stilato una lista dei broker più affidabili per fare trading online, una lista che ha l’obiettivo di preservare gli utenti dalle possibili truffe online come il gambling e le opzioni binarie cercando di tutelare al meglio i propri clienti e non solo. Come riportato da DailyForex, oltretutto, in Italia, la commissione Nazionale per le Società e la Borsa, unico organo con licenza di  supervisionare le operazioni dei fornitori di servizi finanziari, regolamenta le case di brokeraggio, i cambi e altri mercati di servizi finanziari italiani ed esteri, stabilendo rigide norme a tutela degli investitori che così hanno possibilità quasi nulle di incappare in attività fraudolente o abusi di qualsiasi tipo.

Ecco quindi come e dove confrontare i vari broker autorizzati, o meglio la lista dei migliori broker italiani di Forex autorizzati Consob, broker in grado di soddisfare i diversi criteri d’investimento online. Da Markets.com, che richiede un deposito minimo di 100 euro ed ha MetaTrader 4 Sirix e Piattaforma di Proprietà, a Fxcm, da XTrade a E Social Trading finendo con XForex. Altri siti? In un’altra tabella, non in quella dei siti italiani autorizzati Consob, sempre su DailyForex si trovano, con ottime valutazioni, anche Avatrade, che come Markets.com richiede 100 euro di deposito minimo, e Exness. 

Cosa hanno questi siti per essere considerati più affidabili? Ebbene Markets.com, ad esempio, primo nella lista, risale alla Safecap Investments Limited, una società d’investimento con sede a Limassol, a Cipro. Tale società è poi autorizzata e regolata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission mentre Markets.com è autorizzata e regolata sotto la Direttiva MiFID, Markets in Financial Instruments Directive, una legge dell’Unione Europea che stabilisce parametri di riferimento di pratica sicura ed armonizzata per i servizi d’investimento. La Forex Capital Market Ltd., nota a tutti come FXCM, invece, è un fornitore globale di trading online sul Forex con licenza FSA 217689 ottenuta nel Regno Unito nel 2003 ed operante in Italia con licenza n.76 albo delle imprese di investimento comunitarie, e sotto la vigilanza della FSA e della stessa Consob. I clienti di FXCM hanno la possibilità di aprire un conto trading demo gratuito dove poter testare le proprie strategie trading con un portafoglio demo di 50.000 euro senza correre alcun rischio, ma comprendendo comunque come muoversi al meglio in un mondo tutt’altro che semplice dove la posta in gioco è sicuramente alta.

Oltre a tale lista DailyForex offre anche uno speciale  ed utilissimo servizio che assiste tutti i traders nella difficile scelta di un broker affidabile e che più si adatta alle esigenze di chi ha deciso di investire il proprio denaro e muoversi online

Su cosa verterà il mercato finanziario nel 2016? Quali saranno i colpi della Borsa? Secondo DailyForex la maggior parte degli analisti prevede che l’USD continui a rafforzarsi e le valute legate alle materie prime ad indebolirsi, o almeno in una certa misura. I migliori trades nel lungo periodo nel mercato Forex sono quelli, quindi, posizionati long sulla coppia USD/CAD (un trend forte e in corso già da un po’) e short sulla coppia AUD/USD. Il dollaro canadese, legato al petrolio, e il dollaro australiano, legato al ferro e ad altri metalli preziosi, sono, invece, in forte calo. Gli analisti, infine, paiono concordare sul fatto che pure lo Yen e l’Euro non siano poi così affidabili per via della struttura economica che appartiene ai paesi con quelle monete. Insomma, i broker sono avvisati!

(Foto: Suphakit73 / Shutterstock )

Gianni Morandi Facebook

Selvaggia Lucarelli Instagram: Lorenzo Biagiarelli è il suo nuovo fidanzato?

Napoli affittopoli

Blocco traffico, a Napoli sei giorni senza auto dal 2 gennaio 2016: ecco date e fasce orarie