in ,

Formiche in cucina rimedi: ecco cosa fare per liberarsene

Le formiche in cucina sono in grado di distruggere un’intera dispensa, lasciando dietro di sé solo briciole; per questo motivo quando le formiche entrano in casa in estate e cominciano ad avvicinarsi alla cucina, è bene correre velocemente ai ripari e allontanarle il prima possibile. Spray e insetticidi chimici molto spesso però, oltre che essere nocivi per la salute umana, sono anche inutili e non riescono a debellare definitivamente l’infestazione. Urban Donna – Casa vi suggerisce alcuni rimedi naturali efficaci per eliminare definitivamente le formiche dalla cucina: ecco cosa fare.

Sono diversi i rimedi naturali che possono aiutarvi a tenere lontano da casa, e in particolare dalla cucina, le formiche; per prima cosa è importante evitare di lasciare residuo di cibo come briciole o avanzi all’aria aperta: il loro odore attirerà le formiche in cucina che cominceranno ad addentrarsi nei mobili in cerca di altro cibo per le loro scorte invernali. Per questo motivo sigillate bene anche barattoli come zucchero, marmellata, crackers o patatine altrimenti si infileranno in ogni contenitore. Se però la vostra cucina è già invasa dalle formiche, dovrete evitare che tornino eliminandole: il modo migliore è con la farina di mais e acqua, qui potete trovare la spiegazione su come fare per eliminarle definitivamente con questo metodo.

Una volta debellate però dovrete evitare che altri gruppi tornino nella vostra cucina attirati dall’odore del cibo; durante l’estate quindi cercate sempre di disinfettare tutto con acqua e limone o aceto in modo tale che questi forti odori tengano lontane le formiche dalla vostra cucina. Qui potrete trovare i rimedi naturali più efficaci, dalle piante agli oli essenziali, che grazie agli odori forti riescono a tenere lontane da casa e quindi anche dalla cucina le formiche.

Formula 1 GP Ungheria Hamilton

Formula 1 2016, GP Austria qualifiche: Hamilton in pole, Vettel e Rosberg penalizzati

Ansia e attacchi di panico patologici differenze

Attacchi di panico: come capire quando l’ansia diventa patologica?