in

Formula 1, uno Schumacher torna su una Ferrari: il figlio di Michael in pista a Monza

Accostare il cognome Schumacher alla scuderia Ferrari vuol dire rievocare nella mente di tifosi e addetti ai lavori anni di successi ed emozioni che sono rimasti impressi nella storia della Formula 1; così quando martedì Mick, il figlio di Michael, ha acceso i motori di una delle vetture del Cavallino Rampante è stato inevitabile non pensare al padre e agli anni d’oro a Maranello.

Il 16enne è stato prima in visita proprio nel centro pulsante della Ferrari, per poi svolgere anche alcuni test in pista a Monza sotto gli occhi attenti di Luca Baldisseri, l’ingegnere di pista che aveva condiviso con Michael Schumacher una carriera di successi, culminata con i sette mondiali vinti. Per Mick il cognome è senza dubbio un’eredità non da poco in questo ambiente.

Al momento il ragazzo corre nella Formula 4 tedesca, sognando il grande salto; in questi giorni ha avuto un primo assaggio e le emozioni devono essere state fortissime. Ora starà a lui decidere cosa fare del proprio futuro: la strada per arrivare nell’abitacolo che fu del padre non è di certo facile anche se il tempo e l’età non possono che giocare dalla sua parte.

Emirates Airlines assunzioni 2015

Emirates lavora con noi 2015: ecco le date delle selezioni a dicembre

cirò marina omicidio in strada

Ebreo accoltellato a Milano davanti a ristorante Kosher: rafforzata vigilanza