in

Foto OS X: l’app per MacBook sostituirà Aperture e iPhoto?

Apple ha distribuito nei mesi scorsi una nuova app per la gestione delle immagini su Mac, Foto OS X. Molti appassionati della Mela però non hanno ancora sperimentato dal vivo il nuovo programma di Yosemite. Vediamo insieme qui di seguito i suoi possibili pregi e difetti:

Pregi…


1 – Modifica delle foto: grazie ai nuovi strumenti messi a disposizione da Apple sarà possibile editare le foto in maniera più immediata: “per la maggior parte di noi, in particolare per quelli passati di recente a Mac e per quelli che non si considerano fotografi professionisti, Foto rappresenta un ottimo approccio all’editing delle immagini, per quanto modesto“(Wall Street Journal).

2 – Più veloce: intuitivo e facile da usare, è stato nettamente migliorato, tanto che, rispetto al vecchio Aperture e a iPhoto, risulta più rapido e leggero. L’attivazione permetterà di sincronizzare tutti i dispositivi Apple con iCloud.

3 – Simile a iOS: in termini di qualità si traduce in una semplificazione dell’interfaccia che piacerà ai molti utilizzatori di iPhone.

Difetti…


1 – Gestione album: da questo punto di vista vanno sicuramente fatti dei miglioramenti per quanto riguarda l’organizzazione degli album ma siamo ottimisti, entro qualche mese arriveranno gli aggiornamenti sperati.

2 – Mancanza di strumenti: “Non possiede pennelli né modifiche di curva, e soprattutto non consente di dividere o unire librerie. Non si può neppure aggiungere metadati nei campi dell’app” – scrive il magazine Re/code.

Conclusioni


Il passaggio da Aperture e da iPhoto si fa sentire. L’esordio, come per molte nuove app, nonostante le note positive, è in retromarcia. La versione 1.0 ha bisogno degli aggiornamenti necessari (attesi per questa primavera) per convincere chi, ad esempio, utilizza da anni Adobe Lightroom.

Foto: Shutterstock

Marc Marquez

MotoGP: Marquez trionfa ad Austin. Dovizioso e Rossi sul podio

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni 13-15 Aprile 2015: il ritorno di Serena e Filippo