in

Francesca De Andrè, il padre Cristiano ‘depone le armi’: il messaggio alla figlia

La lunghissima querelle tra Francesca De Andrè e il padre Cristiano si trascina in tv ormai da anni. Ma, forse, potrebbe esserci finalmente il lieto fine. Nonostante la partecipazione della ragazza all’ultima edizione del Grande Fratello per tentare il riavvicinamento, Santa Barbara da Cologno non era riuscita a fare il miracolo, anzi, la situazione sembrava perfino peggiorata tra diffide e querele. Improvvisamente, però, proprio quando i riflettori si erano spenti sulla vicenda che ha indirettamente tenuto banco su giornali e siti web, qualcosa sembra essersi mosso. Più che qualcosa, qualcuno.

Francesca De Andrè e Cristiano, l’apertura del padre fa ben sperare

Pare, infatti, che Cristiano De Andrè – da sempre restio nel rendere pubblica la vicenda – abbia fatto un primo, importante, passo nei confronti di Francesca. Pubblicando su Facebook un’immagine che ritrae le figlie Fabrizia e Alice – l’ultimogenita avuta dalla seconda compagna – strette in un abbraccio, il cantautore avrebbe corredato lo scatto con una didascalia piuttosto ‘accogliente’: “È arrivata anche Alice! Aspetto Francesca quando vuole, per deporre le armi. Con Filippo ci vedremo ad agosto”. Più chiaro di così…

Cosa penserà l’ex gieffina di questo riavvicinamento?

Il rapporto con Fabrizia, che dopo una prima intenzione di entrare a far parte del reality aveva deciso di tirarsi fuori, sembra dunque esser ricucito. Anche con lei, in effetti, l’armonia non era all’ordine del giorno, ed ora pare che papà Cristiano voglia riavvicinarsi anche a Francesca. Sarà la volta buona? Chissà la secondogenita di casa come prenderà questo tentativo di far pace? Per il momento, dall’ex gieffina, nessuna risposta.

francesca de andrè cristiano

Leggi anche —> Temptation Island, Alessio Bruno arrestato e condannato per spaccio

Francesco Saverio Borrelli, Vittorio Sgarbi: «Stava a Di Pietro come la Treccani sta a Topolino!»

Melissa Satta Instagram, foto pazzesca, lato B da favola: «Venere al tuo confronto è nulla!»