in

Francesca Fioretti incinta, primo figlio con Davide Astori: “Ce la metterò tutta”

L’ex concorrente del Grande Fratello e di Pechino Express Francesca Fioretti è incinta: a rivelarlo è proprio l’ex fiamma di Fabrizio Corona in un’intervista a “Vanity Fair” dove annuncia di aspettare un figlio dal giocatore Davide Astori, ma di non sapere ancora il sesso del nascituro: “È in arrivo in casa un nuovo inquilino. Non sappiamo ancora se sarà maschio o femmina e noi siamo felicissimi” dice entusiasta l’ex gieffina che racconta anche come è nata la storia con Davide: “È il coronamento di un amore iniziato due anni fa, al compleanno di un amico comune: io ero appena stata in Vietnam e Davide, appassionato di viaggi, ha preso la palla al balzo facendomi domande sui luoghi che avevo visitato. Dopo poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci e adesso eccoci qui, in attesa del primo figlio”.

La futura mamma Francesca non ha ancora deciso il nome, ma assicura che il tema è un motivo di discussione con Davide: “Su alcuni nomi è già guerra aperta. Cercherò di prendermi tutto tempo che mi serve”. L’ex gieffina non pensa – almeno per il momento – al matrimonio: “Resta un progetto, ma non è una priorità” racconta Francesca che ha seguito il suo Davide prima a Roma e ora a Firenze che sarà la città natale del bebè.

Dopo la popolarità raggiunta dalle esperienze nei reality televisivi, la bella Francesca Fioretti ha deciso di allontanarsi dai riflettori per dedicarsi allo studio di recitazione e a disegnare costumi. A breve l’ex gieffina avrà una più lieta priorità: “Certo, è importante il lavoro e ci tengo tanto alla mia indipendenza, ma col figlio si crea un legame talmente profondo da relegare tutto il resto in secondo piano. Voglio crescerlo io e ce la metterò tutta, non ho alcuna intenzione di lasciarlo con una tata per giornate intere”.

Dove vedere Udinese Union Berlino

Palermo, Beppe Iachini in bilico?

Pensioni 2017, età pensionabile Tito Boeri parla di controriforma

Riforma delle pensioni 2015 ultime novità: flessibilità, per Tito Boeri è centrale l’età anagrafica, delusi i lavoratori precoci