in

Francesco Facchinetti a “Vieni da me”: «Da bambino avevo un carattere complicato»

Francesco Facchinetti oggi pomeriggio, 9 ottobre 2019, è stato ospite a Vieni da me da Caterina Balivo. Il cantante si è prestato al famoso gioco della cassettiera. In ogni cassetto è conservato un oggetto e ogni oggetto porta con sè un ricordo. Francesco ha trovato come prima cosa la sua pagella e partedendo dalla sua infanzia si è lasciato andare ad una lunga intervista. I temi affrontati poi sono stati diversi e le parole di Francesco hanno fatto davvero emozionare il pubblico da casa. Che uomo è diventato? È ancora quel ragazzino indisciplinato di un tempo? Lui ha risposto molto sinceramente a queste domande.

Leggi anche –> Irama e Francesco Facchinetti ai ferri corti: volano paroloni e gesti ‘inconsulti’

Francesco Facchinetti a Vieni da me

L’intervista di Francesco Facchinetti a Vieni da me è partita con un ricordo legato alla sua pagella. Francesco ha ricordato la sua infanzia e la vita in collegio: «Sono stato otto anni in collegio, poi mi hanno espulso. Probabilmente sono stato l’unico alunno al mondo espulso dal metodo Montessori. Ero un bambino con un carattere complicato. Chiedo scusa a tutti». Poi Francesco ha spiegato di essere una persona poliedrica e alla quale piace esplorare ogni aspetto della vita: «Nella mia vita ho sempre cercato di legare gli estremi e mi sono ritrovato a essere punk e a insegnare catechismo. Ho fatto delle scuole di Comunione e Liberazione e Don Giorgio un giorno mi disse che sarei potuto essere un esempio per gli altri. Così iniziai ad insegnare catechismo. Ho avuto sempre un rapporto speciale con Dio. Avere fede è una cosa che va oltre tutto quello che ci insegnano. Io insegnavo catechismo con il wrestling. I santi diventavano dei wrestler. È stato molto bello».

Il suo rapporto con i genitori

Francesco Facchinetti a Vieni da me ha parlato anche del suo rapporto con i genitori. Il cantante è figlio d’arte, suo padre è Roby Facchinetti dei Pooh. Si sa, essere figlio di un personaggio famoso non è mai facile soprattutto quando si è dei bambini. Francesco ha dichiarato: «Quando i miei genitori si sono separati è stato veramente difficile. I figli non devono entrare in queste dinamiche. I miei mi hanno seguito da lontano. Fare i genitori è difficilissimo. Con me i miei hanno capito subito cosa era meglio fare. Io scappavo di casa quando avevo dieci anni». Dunque un bambino irrequieto che amava fare festa e che da grande ha conservato in sè un po’ di quello spirito ribelle, che nessuno è mai riuscito a domare.

Leggi anche –> Alena Seredova risponde agli haters: «Preferisco stirare meno e stare più con i miei figli»

Yom Kippur cos’è: tutto sulla più solenne festività ebraica

Giorgia Meloni: la foto sconvolgente di Danilo D’Amico, il dirigente di FdI aggredito a Ponza