in ,

Francesco Sicignano scagionato: il ‘delfino’ di Berlusconi “agì per legittima difesa”

Francesco Sicignano ha ringraziato Forza Italia“Ritengo Silvio Berlusconi una persona intelligente e se a 80 anni dopo quello che gli hanno fatto va avanti in politica presumo che abbia un po’ di amore per la patria”, ipse dixit – per avergli dato l’opportunità di candidarsi a consigliere comunale di Milano consentendogli di portare avanti la sua istanza: “Carcere a vita per i delinquenti extracomunitari” – come quello da lui ucciso lo scorso 24 novembre durante un tentativo di rapina nella sua abitazione di Vaprio d’Adda, nel Milanese – e un “atteggiamento aggressivo” necessario per chi delinque.

“Devono cambiare le regole, bisogna rimandarli al loro paese, il nostro territorio è inquinato …”, lo ha detto con veemenza poco fa in collegamento video con la trasmissione Pomeriggio 5. Sicignano, che è stato scagionato dalla Procura a seguito degli accertamenti dei Ris che hanno confermato la sua versione dei fatti, facendo cadere l’accusa di omicidio volontario nei suoi confronti e riconoscendogli la legittima difesa, ha ricostruito in diretta la dinamica dei fatti.

“Sono sempre stato tranquillo perché ho detto la verità. Le traversìe che ho avuto non le ho certo causate io … Ho sempre dato una versione perché quella era, è e sempre sarà la verità dei fatti” – queste le sue parole – “avevo il ladro a due metri da me che mi veniva incontro, cosa dovevo fare? Ho aperto il fuoco per difendere me e la mia famiglia”.

Pattinaggio sul ghiaccio

Le piste di pattinaggio sul ghiaccio più belle d’Europa

Grande Fratello news Alessandro, notte di passione con Desiree: addio a Lidia?