in ,

Francesco Totti, 22 anni dopo il debutto in Serie A con la Roma

Tramuta la dirigenza, tramutano gli allenatori, cambiano gli stemmi e le strutture, l’unica cosa a non variare mai è il capitano di questa squadra, che rimane sempre e solo Francesco Totti. Tutto ha inizio grazie a Vujadin Boskov, quando il 28 marzo 1993, decide di gettare nella mischia un ragazzino, romano e romanista di nascita, negli ultimi 3 minuti di partita. Tre minuti posson bastare, a volte. Infatti, da quel giorno, Francesco Totti è l’emblema di Roma, il capitano dei giallorossi, il gladiatore della capitale, il simbolo di un’intera città e il vanto di un’intera Nazione.

E lo stesso Totti a raccontare il suo debutto in Serie A, in uno dei suoi libri pubblicati: “Io stavo giocando il sabato con la Primavera, Roma-Ascoli, mi sembra, ho fatto due gol nel primo tempo, poi Spinosi mi ha fatto uscire e sono partito con la prima squadra per Brescia. Non immaginavo niente, sinceramente, perché già essere partito con la prima squadra per me era una soddisfazione, una cosa che difficilmente dimenticherò. Il giorno dopo, la domenica, quando Boskov mi ha detto: ‘Vai, scaldati che entri subito’ ero seduto in panchina vicino a Roberto Muzzi, pensavo che il Mister ce l’avesse con lui, invece Roberto mi ha detto: “Guarda che ce l’ha con te, vai”. Sono entrato, ho fatto riscaldamento dieci secondi, anche perché era quasi finita la partita, mancavano cinque minuti…ero troppo emozionato e troppo contento”.

Da lì in poi un cammino di successo, indimenticabile, storico, fatto di gioie e dolori, caratterizzato da poche vittorie. Troppo poche per il talento di Francesco, eppure, se ha tentennato, alla fine, non è mai andato via, neanche quando è arrivata la chiamata da club come Real Madrid e Milan. Classe unica, tecnica sopraffina, visione di gioco, umiltà, spirito di sacrificio, generosità e gol, gol a non finire. Sono esattamente 297 in carriera le sue reti. Numeri da capogiro, numeri da capitano, numeri da Storia del calcio. Cifre che continuano ad aumentare, storia che non accenna a finire, perché per almeno un altro anno, Francesco Totti continuerà a fare impazzire i propri tifosi, infrangendo record su record. Dopo, non vogliamo neanche pensarci a cosa potrebbe succedere. Intanto, ‘to be continued’…

Seguici sul nostro canale Telegram

Gp Malesia

Formula 1, Gp Malesia qualifiche: Vettel si infila tra le Mercedes, Raikkonen 11°

miriam leone facebook miss italia

Miriam Leone Facebook, attaccata da Bianca Guaccero: “Se la tira come Sharon Stone”