in

Francia – Croazia 4-2 video gol e cronaca: i transalpini sono campioni del Mondo 2018

E alla fine l’epilogo è stato quello previsto: la Francia di Didier Deschamps, vent’anni dopo la prima volta, si laurea Campione del Mondo battendo nella finalissima di Mosca la Croazia degli “italiani” Perisic e Mandzukic. Il giovanissimo Mbappé, con un Griezmann in grande spolvero e Pogba sempre più maturo portano la Nazione guidata da Emmanuel Macron sul gradino più alto del mondo calcistico. Finisce, questa avventura russa, con un pirotecnico 4-2: sussulto d’emozioni, cambi di fronte repentini. Un’edizione, quella 2018, che non ha lasciato in eredità grandi sprazzi di calcio se non, per l’appunto, le giocate di Mbappé, le verticalizzazioni di Modric e le serpentine di Hazard. 

Francia – Croazia 4-2: un primo tempo senza sosta

A Mosca è la Francia a laurearsi Campione del Mondo. Ma a far la partita, per lunghi tratti, è la Croazia. Pressing altissimo e centrocampisti transalpini imbrigliati. La Croazia non calcia in porta ma sembra poter mettere a segno quanto prima. Peccato, però, che alla prima occasione è la Francia a passare alla cassa: punizione di Griezmann, Mandzukic sporca involontariamente e insacca nella porta sbagliata. I croati reagiscono e rispondono cinque giri di lancette dopo: punizione di Modric, torre di Vrsailjko, palla fuori e Perisic si inventa una magia per il pareggio. Il tornante dell’Inter, però, è protagonista, involontariamente, del calcio di rigore che consente il sorpasso alla Francia: per Pitana il tocco di mano dell’interista va punito con la massima punizione; dal dischetto Griezmann non sbaglia e fa 2-1. 

Francia – Croazia 4-2 video gol: transalpini di qualità

La ripresa sembra di marca croata. Ma non per Paul Pogba: l’ex Juventus, dopo dieci minuti dall’inizio della seconda frazione di gioco, trova una magia e mette sul palo più lontano dove Subasic non può arrivare. E il passivo si fa più pesante per la Croazia cinque minuti dopo: Mbappé, diciannovenne e autentico protagonista di questo Mondiale 2018, arriva come un treno e piazza alle spalle dell’estremo difensore croato. I balcanici sembrano non averne più, ma è Lloris a metterli nuovamente in gioco: serpentina ai danni di Mandzukic che non abbocca e mette alle spalle del portiere. Ma non c’è più tempo per le emozioni: i transalpini sono, meritatamente, campioni del Mondo dopo aver battuto Argentina, Uruguay, Belgio e, appunto, Croazia.

caso bozzoli news tracce forno

Mario Bozzoli news scorie forni: c’è solo una certezza, a breve chiusura indagini?

INCIDENTE STRADALE

Rossano Calabro incidente: intera famiglia sterminata mentre andava in ferie