in ,

Francia elezioni 2017, Marine Le Pen copia il discorso di Fillon ed è bagarre social (VIDEO)

Mancano meno di cinque giorni alle elezioni 2017 in Francia per votare il nuovo presidente. La sfida è tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. La candidata del Frònt National, stando agli ultimi sondaggi, sarebbe in svantaggio di circa 20 punti percentuali. Ma negli ultimi anni i sondaggi hanno lasciato spesso a desiderare, ci sono delle variabili che rischiano di “drogare” le analisi politiche. Il caso Trump e la Brexit ne sono esempio lampante. Ma nelle ultime ore a far parlare di Marine Le Pen è il discorso tenuto ieri. Il motivo? Ai più attenti non è sfuggito un clamoroso copia-incolla con un discorso di Francois Fillon, tenutosi il 15 aprile 2017.

Chi è Marine Le Pen

Sui social e sulla rete il discorso di Marine Le Pen è finito al centro delle attenzioni politiche. Tanto che anche lo staff del Front National è dovuto intervenire. Accusa rispedita al mittente? Niente affatto, l’entourage di Marine Le Pen ha confermato il copia-incolla con Fillon: “È una strizzata d’occhio voluta a un passaggio di un discorso emozionante sulla Francia. Dimostra che non è una candidata settaria ma che vuole unificare.” Un discorso emulato in ogni suo particolare, in ogni sillaba, in ogni tempo “tecnico” di Marine Le Pen. Anche la mimica facciale presenta diverse comunanze.

Tutto su Emmanuel Macron

Questo un estratto del discorso copiato da Marine Le Pen: “Se si impara la nostra lingua, talvolta con grande fatica, in Argentina o in Polonia, se esistono liste d’attesa per iscriversi all’Alliance francaise di Shanghai, di Tokyo, di Città del Messico, o al liceo francese di Rabat o di Roma, se Parigi è ancora la prima destinazione turistica mondiale, è perché la Francia è di più di una potenza industriale, agricola o militare.” Qui di seguito, invece, il video che incastra la candidata del Front National:

Valentino Parlato è morto: addio al fondatore de Il Manifesto

suicidio tiziana cantone news tribunale

Tiziana Cantone, l’ex fidanzato: “Io, ancora vivo grazie alla mia famiglia”