in ,

Franco Battiato senza freni: “Papa Francesco non ha idea di cosa è Dio”

Franco Battiato è stato ospite, lunedì 2 giugno, del Meeting del Mare di Marina di Camerota, nel salernitano.Tra le tematiche sviscerate quella relativa all’origine dell’uomo, ma poi si è parlato anche d’altro, toccando temi che vanno dalla politica alla religione. E’ stato un fiume in piena, il cantautore siciliano, e con l’immediatezza e la franchezza che da sempre lo contraddistinguono, ha detto ciò che pensa. A dispetto di tutto e tutti.Meeting del Mare

Sollecitato dai giornalisti presenti alla manifestazione, Battiato ha dapprima elogiato il presidente del consiglio Matteo Renzi “secondo me qualcosa sta facendo ma prima di dare giudizi come cittadino aspetto” – per poi passare alla sua materia, la musica. Senza risparmiare qualche critica alle nuove leve della musica leggera che “Negli ultimi dieci anni è cambiata in male. La musica leggera non è leggera perché puoi fare qualunque cosa, c’è bisogno di studiare”, si è poi lasciato andare a delle dichiarazioni alquanto forti, in materia di fede e misticismo, che hanno provocato un serio imbarazzo al suo interlocutore, don Gianni Citro, organizzatore della kermesse.

Un discorso condito anche di termini duri, scurrili e fin troppo schietti, il suo: “Se tu non hai il piacere di dire a te stesso ‘Ma tu chi cazzo sei?’, ‘A chi appartieni e che cosa fai nella tua vita e cosa stai cercando?’ ma dove vai?  Un individuo se non fa un ricerca personale non può mai raggiungere Dio. Mi dispiace per Bergoglio, che è molto simpatico, ma lui non ha neanche idea di che cosa è Dio. Non può dire il bambino adesso è con Dio, ma che cazzo stai dicendo? Sono cose che fanno rabbrividire”. Al che don Citro, laconico, ha replicato: “Tu mi stai massacrando … fresco fresco te ne sei venuto dal Tibet. Eh ma guarda che anche qua ci sono tante persone di santa vita e che hanno una bella ricerca interiore”.

Il Salento batte il Chianti per vendita di case agli stranieri

Francesca Testasecca, da Miss Italia a ragazza normale: “la bellezza non è sinonimo di magrezza”