in

Frosinone: uccide i figli nel sonno e poi si spara, orrore ad Esperia

Frosinone, un pensionato sulla settantina ha ucciso i figli nel sonno e poi si è sparato. Il massacro è avvenuto nell’abitazione della famiglia intorno alle 7, quando la moglie nonché madre dei ragazzi era fuori casa. I fratelli uccisi avevano 26 e 18 anni: secondo le prime indiscrezioni trapelate, le vittime sarebbero state uccise a colpi d’arma da fuoco dal padre che poi si è tolto la vita. Il dramma familiare si è consumato a Esperia, nel Frusinate, all’interno dell’abitazione della famiglia intorno alle 7. Sembra che la figlia 26enne dell’uomo fosse malata ai reni.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, l’autore del duplice omicidio, poi morto suicida, è un ex ferroviere. Ha sparato al figlio Mariano di 26 anni, laureato in materie scientifiche, e alla figlia Isabella di 18. Stando alle indiscrezioni emerse in queste ore, avrebbe ucciso i due ragazzi mentre erano ancora nel loro letto nella loro abitazione in Corso Vittorio Emanuele, angolo Piazza Consalvi.

Potrebbe interessarti anche: Roma chiuso il Ponte della Scafa per criticità: panico e allarmismo tra residenti e pendolari

omicidio-suicidio nel frusinate

Dormivano mentre la mamma che era andata all’ufficio postale. Ha approfittato di quei minuti per ucciderli. A scoprire i tre cadaveri è stata proprio la povera donna, che quanto ha fatto rientro a casa ha scoperto l’orrore. Sul posto dopo l’allarme i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo. Ancora non sono emersi i veri motivi alla base dell’omicidio-suicidio: secondo i primi riscontri degli investigatori non vi sarebbero state tensioni in famiglia. Indagini in corso.

Roma chiuso il Ponte della Scafa per criticità: panico e allarmismo tra residenti e pendolari

cervello, se privato del sonno tende ad auto divorarsi

Insonnia come curarla: scoperto il segreto del sonno, ecco qual è