in ,

Funerali Priebke: “no” categorico di Marino

Farò di tutto per impedire che Priebke sia sepolto a Roma, città antinazifascista“. Questo aveva dichiarato ieri il sindaco di Roma Ignazio Marino rispetto alla possibilità che Erich Priebke, capitano delle SS  e responsabile della realizzazione del massacro delle Fosse Ardeatine, fosse sepolto a Roma. Oggi Marino ribadisce il divieto inderogabile di celebrare i funerali e di utilizzare o occupare qualunque spazio pubblico.

Marino

La posizione della Chiesa è stata chiara fin da subito: nessuna chiesa di Roma celebrerà i funerali di Pirebke. A tal proposito, non si ferma la polemica innescata dal legale dell’ex capo nazista Paolo Giachini, il quale ha dichiarato: “Non mi risulta che la curia abbia negato i funerali, faremo i funerali a Villa Borghese o nel parco della Pineta dei sacchetti. Ma sono disposto a celebrarli in strada“. L’avvocato ha affermato che alcune chiese di tutta Italia si sarebbero offerte per i funerali. Inoltre ha più volte assicurato di non avere alcuna intenzione di celebrare una cerimonia politica. “Tutto sarà fatto con estrema riservatezza. Priebke è stato portato a Roma non di sua volontà, ma è morto qui. Roma avrebbe il dovere di ospitarlo, ma non vogliamo creare imbarazzi” ha ribadito ieri.

Aumentano intanto le perplessità e le paure rispetto a quanto sta accadendo. Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica di Roma, in una intervista promette: “Se fosse necessario la gente è già mobilitata per protestare e io sarò con loro“.
Un lenzuolo bianco con la scritta “Priebke boia” è apparso ieri alla Fosse Ardeatine. Sabato invece un’altra scritta, “Onore a Priebke”, insieme ad una svastica, è comparsa vicino alla casa del generale. Sono stati invece fermati i cinque membri di “Militia” che hanno tentato di depositare un mazzo di rose dove abitava Priebke.

Seguici sul nostro canale Telegram

Le staminali della pelle ci proteggono in funzione dell’ora

Sanità: Parlamento Ue approva riforma controlli carne suina