in , ,

Gay al Family day: Grindr e la storia degli “infiltrati”, bufala o verità?

Partiamo da una piccola spiegazione di questa applicazione. Grindr è una chat per incontri gay. Una chat che utilizza la geolocalizzazione per mettersi in contatto con utenti interessati a fare conoscenza. Insomma il corrispettivo di Tinder. Detto questo continuiamo il racconto, che ad ora deve trovare ancora conferme, paradossale di quanto stava avvenendo durante il family day.

La numerosa piazza  del Circo Massimo è intenta e concentrata sulle immagini che passano sui maxi schermi o sui tanti interventi di politici ed organizzatori. I bambini giocano in mezzo al prato, gli anziani bevono il caffè portato da casa, padri e madri si abbracciano ed alcune persone invece fissano lo smartphone. “Sei nel lato destro del palco?” quindi:“Se ci beccano siamo fritti”. Questo è stato solo uno dei messaggi che si sarebbero scambiati gli utenti di Grindr in mezzo alla manifestazione. “Sei da solo o in compagnia? Io sono venuto con il gruppo della parrocchia a Roma, difficile vedersi”,.

Ma alcuni gridano alla bufala, creata ad hoc per sminuire il messaggio del Family Day. Rimane comunque il dubbio. Se fosse vero, sarebbe uno scivolone per l’immagine di quella che per i suoi stessi organizzatori è stato un successo senza precedenti.

 

Vacanze in eremo umbria e toscana

Vacanze in eremo: dall’Umbria alla Toscana per ritrovare se stessi

Isabella Biagini ischemia

Isabella Biagini a Domenica Live: una vita drammatica, senza casa ma non vuole aiuti