in ,

Genova petrolio nel Polcevera: cede argine di contenimento

Non c’è pace per Genova, alle prese da giorni con un preoccupante allarme inquinamento causato dalla rottura di una conduttura nell’oleodotto Iplom, che ha provocato lo sversamento di petrolio nelle acque del torrente Polcevera e dei suoi affluenti. La forte pioggia delle ultime ore, infatti, ha gonfiato il letto del fiume e causato il cedimento della diga creata appositamente per contenere i danni del greggio fuoriuscito.

“Speriamo che reggano le panne oceaniche di contenimento”, alte alte 1 metro e 80, ha dichiarato l’assessore comunale alla Protezione civile, Gianni Crivello, in riferimento al nuovo allarme. Nel frattempo un altro argine è stato aperto dai tecnici impegnati da una settimana nelle operazioni di bonifica del territorio, al fine di evitare che il livello d’acqua nel torrente si innalzi oltremodo. Il rischio adesso è che il petrolio arrivi anche al mare. “La situazione è complicata”, ha infatti detto Crivello, “la Capitaneria di porto è riunita e ha dichiarato lo stato di emergenza locale”.

Sversamento petrolio in acqua – Foto Shutterstock

Birdwatching e turismo naturalistico fiera a Comacchio

Fiera del Birdwatching Comacchio 2016: fino al Primo Maggio il turismo è naturalistico

Chelsea-Tottenham Premier League probabili formazioni

Calciomercato Roma news: Falcao per sostituire Dzeko?