in ,

Genova, Stadio Luigi Ferraris: birra e partita, ora si può

Il prefetto di Genova cambia idea, ma non troppo. Quel che è certo è che i tifosi di Sampdoria e Genoa, e anche i tifosi in trasferta in Liguria, potranno bersi una birra, prima, durante e dopo la partita. Vi pare una cosa normale? Nel calcio italiano (e non solo) è invece una conquista. Fino a ieri, infatti, non si poteva acquistare intorno allo stadio Luigi Ferraris alcuna bevanda alcolica, mentre dentro allo stadio era permessa solo la birra alla spina in bicchieri di carta.

genova luigi ferraris

Il prefetto ha mantenuto le limitazioni sulle bottiglie: di vetro o plastica che siano, non possono essere vendute né dentro, né intorno allo stadio nel periodo delle gare. Quello che cambia è che si innalza la gradazione alcolica permessa. Fino a ieri, infatti, c’era il divieto di vendita di bevande che avessero più di 3 gradi di alcool. Ora questo limite è salito a 7. Quindi birra e partita vanno d’accordo.

Il divieto, comunque, non si applica ai ristoranti e la sua nuova natura potrebbe dare una mano agli esercenti che nei giorni delle partite avevano visto un crollo delle vendite. Il prefetto ha ritenuto opportuno concedere la birretta ai tifosi, ma continuare a negargli vino e super alcolici. Ma sono questi i problemi del calcio italiano?

Anticipazioni Cuore Ribelle giovedì 31 luglio: Sara gelosa di Miguel ed Eugenia

Robot octopus inventato a Livorno

Livorno: la ricerca sulla robotica decantata sul “The New York Times”